Apertura Visita al Vicariato del Clitunno: resoconto e foto

Apertura Visita al Vicariato del Clitunno: resoconto e foto

Apertura Visita al Vicariato del Clitunno: resoconto e foto

/
/
Apertura Visita al Vicariato del Clitunno: resoconto e foto
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

La sera di sabato 21 settembre nella chiesa parrocchiale di S. Bartolomeo in Montefalco l’Arcivescovo, presiedendo la liturgia della Parola, ha ufficialmente aperto la Visita pastorale nel Vicariato del Clitunno, denominato di S. Emiliano. Il Presule è stato accolto sul sagrato della chiesa dal Vicario episcopale don Marco Rufini e dagli altri sacerdoti del Vicariato. Tutte le parrocchie erano rappresentate. Dopo aver baciato il crocifisso, il Presule è entrato in chiesa e, prima dell’inizio della liturgia, si è raccolto in preghiera dinanzi al Santissimo Sacramento.

Foto-gallery

Poi, don Rufini ha tenuto una breve presentazione del Vicariato del Clitunno: sette comuni (Castel Ritaldi, Campello sul Clitunno, Trevi, Giano dell’Umbria, Montefalco, Gualdo Cattaneo e Bevagna), circa 30.000 abitanti (un terzo della Diocesi), 400 chilometri quadrati di territorio, 17 parrocchie, 7 monasteri femminili di clausura (le Agostiniane a Montefalco e Bevagna; le Clarisse a Trevi e Montefalco; le Benedettine a Trevi e Bevagna; le Benedettine Celestine a Castel Ritaldi), 4 comunità religiose femminili (le Suore della Sacra Famiglia di Spoleto a Trevi e a Cannaiola; le Oblate della Sacra Famiglia a Bevagna; Missionarie del Sangue di Cristo a Bastardo), cinque comunità religiose maschili (i Frati Minori a Trevi e Montefalco; i Chierici Regolari di S. Paolo, detti Barnabiti, a Campello; i Missionari del Preziosissimo Sangue a Giano; i Passionisti al Santuario della Madonna della Stella), 21 sacerdoti diocesani (due dei quali malati, don Guerrino Conti e don Luciano Nanni), 2 diaconi permanenti. Qualificato e prezioso il servizio dei laici nella catechesi, nella Caritas, nei ministeri laicali loro affidati, con i giovani e le famiglie. «Il culto alla Vergine Maria – ha spiegato don Marco Rufini – può essere considerato il filo rosso che unisce il Vicariato». Su questo territorio, infatti, c’è la presenza di significative chiese mariane: la Madonna Bruna a Bruna di Castel Ritaldi, la Madonna Bianca a Campello, la Madonna del Fosco a Giano, le Lacrime a Trevi, la Madonna della Stella a Montefalco, la Madonna delle Grazie a Bevagna. Quello del Clitunno è anche un Vicariato ricco di testimoni di santità: i martiri Vincenzo a Bevagna ed Emiliano e Antonino Fantosati a Trevi; Chiara della Croce a Montefalco; il beato Pietro Bonilli e la beata Maria Luisa Prosperi a Trevi; a questo elenco recentemente si è aggiunto il Servo di Dio don Andrea Bonifazi nato a Fratta di Montefalco il 23 settembre 1956 e deceduto il 25 dicembre 1998. Questa zona della Diocesi è particolarmente legata anche alla figura di S. Francesco: ricordiamo la sua predica agli uccelli avvenuta a Bevagna. Don Marco Rufini ha poi illustrato alcune fatiche che i preti, insieme ai laici, sono chiamati a fare ogni giorno: rivitalizzare le parrocchie, crescere nello spirito di comunione, avere il senso diocesano della Chiesa, armonizzare le tradizioni presenti con la nuova evangelizzazione, superare una visione clericalizzata di Chiesa. «La fatica però – ha detto il parroco di Bevagna – è segno che si sta camminando. E lei, Eccellenza, ci confermi nella fede e ci rafforzi nella carità, ci indichi il cammino per una Chiesa ricca ed esperta in umanità, deve tutti si sentano accolti». Al termine del saluto del Vicario episcopale, mons. Boccardo ha asperso i fedeli con l’acqua benedetta; si è quindi proclamata la Parola e l’Arcivescovo ha tenuto l’omelia. «La Visita pastorale – ha detto – è il pellegrinaggio che conduce a visitare il Santuario del popolo di Dio. È un tempo di grazia, un momento privilegiato di annuncio dell’amore del Signore per il suo popolo. Vengo tra voi a ripetere le parole di Gesù, che condivide il peso e le gioie della nostra vita quotidiana. Non vengo a controllare la vita della parrocchie, ma vengo come un fratello che è immagine dell’Apostolo che rimanda all’immagine di Cristo Salvatore». Prima della benedizione finale, l’Arcivescovo ha affidato la “sua” Visita pastorale al Vicariato del Clitunno alla Vergine Maria.

ultime pubblicazioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

ultime pubblicazioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Seguici su Facebook