Vallo di Nera: riaperta al culto la chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta, chiuso a seguito dei terremoti del 2016. La soddisfazione dell’Arcivescovo. Foto.

Vallo di Nera: riaperta al culto la chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta, chiuso a seguito dei terremoti del 2016. La soddisfazione dell’Arcivescovo. Foto.

Vallo di Nera: riaperta al culto la chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta, chiuso a seguito dei terremoti del 2016. La soddisfazione dell’Arcivescovo. Foto.

/
/
/
Vallo di Nera: riaperta al culto la chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta, chiuso a seguito dei terremoti del 2016. La soddisfazione dell’Arcivescovo. Foto.
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Una solenne concelebrazione eucaristica, tantissimi fedeli, e soprattutto un’immensa commozione: sono questi i tre elementi che hanno caratterizzato la mattina di domenica 6 ottobre 2019 a Vallo di Nera, dove l’arcivescovo di Spoleto-Norcia mons. Renato Boccardo ha riaperto al culto la bellissima chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta chiusa a seguito dei terremoti del 2016. È la seconda chiesa ad essere riaperta dopo i sismi di quasi tre anni fa: il 23 dicembre 2018 fu riaperta, infatti, la chiesa parrocchiale di Cerreto di Spoleto. Oltre 300, invece, sono in attesa.

Foto-gallery

La concelebrazione. Insieme a mons. Boccardo è giunto il cardinale Philippe Barbaraine, arcivescovo di Lione in Francia, che questa settimana si trova in Umbria.  Con l’Arcivescovo e il Porporato hanno concelebrato: il parroco di Vallo di Nera don Sebastian Urumbil, il direttore dell’Ufficio per i Beni Culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della Conferenza episcopale italiana don Valerio Pennasso, don Franco Coricelli e don Roberto Crisogianni che nel passato sono stati parroci di Vallo di Nera. Ha animato la corale parrocchiale. Presente il sindaco Agnese Benedetti e la soprintendente all’Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria Marica Mercalli, così come i progettisti e le maestranze che hanno lavorato al recupero della bella chiesa.

I restauri. Prima della Messa, sempre in chiesa, c’è stata una tavola rotonda per illustrare i lavori di consolidamento e restauro dell’edificio di culto (grazie ai soldi stanziati dal Governo, 320.066,31, nelle ordinanze 23 e 32 del 2017) e dell’affresco della “Processione dei Bianchi” finanziato dai Club Orobico di Brusaporto (BG), Scuderia Tazio Nuvolari (MN) e Ass. Martesana Mutur Classic Cernusco S.S. (MI). Per l’occasione è stato anche presentato il restauro di un altro dipinto presente nella chiesa, quello che incorniciava l’affresco della Madonna del latte posta al centro dell’altare dedicato alla Madonna del Carmine: è stato possibile grazie alla sensibilità e alla generosità della dott.ssa Rosa D’Amico di Bologna che ha finanziato il recupero. È stato, infine, presentato il libro “Il parolario di S. Francesco” di Alberto Melari per “Sicus edizioni”.

Mons. Boccardo ha definito questa celebrazione «una iniezione di fiducia e di speranza. Abbiamo bisogno di vedere che la ricostruzione procede e quando si ha l’occasione di restituire a una comunità un luogo significativo, come può essere la chiesa parrocchiale, questo permette di sperare e dire che ricostruire è possibile. In un tempo di delusione e di sfiducia come quello che si sta vivendo, è urgente trovare dei segni che dicano che nonostante tutto ritornare alla normalità dopo un terremoto è possibile. È un messaggio positivo che sicuramente farà del bene alla nostra gente».

Nel saluto finale il sindaco Agnese Benedetti ha ringraziato, a nome della comunità civile ed ecclesiale di Vallo di Nera, tutti i presenti: «Vedere riaperta la chiesa di Santa Maria in così breve tempo è commovente. Abbiamo seguito tutte le fasi con tanta passione. Vivere il terremoto è stato pesante, ma le persone si sono sentite protette da tanta solidarietà umana. Siamo una Chiesa in cammino, siamo una società civile in cammino dove ciascuno è chiamato a fare bene la sua parte, confidando sempre in quella provvidenza che è stata sempre presente in mezzo a noi».

Don Valerio Pennasso direttore dell’Ufficio per i Beni Culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della Conferenza episcopale italiana: «La riapertura di questa chiesa è un bel segno. La gente che vive nel cratere del sisma che ha colpito l’Italia centrale nel 2016 attende con trepidazione che le chiese, oltre che naturalmente alle case, vengano ridonate e riaperte per potersi ritrovare e fare memoria della propria storia. Rendere di nuovo fruibile una chiesa vuol dire ridare speranza, ma soprattutto riattivare quella fede che porterà la gente a non abbandonare definitivamente queste terre. Speriamo – ha concluso don Pennasso – che la nuova ordinanza del Governo per la ricostruzione di oltre 600 chiese si possa attivare a breve».

Dalla stessa rubrica...

Seguici su Facebook

Dalla stessa rubrica...

ultime pubblicazioni

ultime pubblicazioni

Seguici su Facebook