Celebrato a Roccaporena il Giubileo delle persone vedove. Alla scuola di Rita diverse persone hanno attinto dal Signore la luce e la forza per continuare il cammino della vita. Foto.

Celebrato a Roccaporena il Giubileo delle persone vedove. Alla scuola di Rita diverse persone hanno attinto dal Signore la luce e la forza per continuare il cammino della vita. Foto.

Celebrato a Roccaporena il Giubileo delle persone vedove. Alla scuola di Rita diverse persone hanno attinto dal Signore la luce e la forza per continuare il cammino della vita. Foto.

/
/
Celebrato a Roccaporena il Giubileo delle persone vedove. Alla scuola di Rita diverse persone hanno attinto dal Signore la luce e la forza per continuare il cammino della vita. Foto.
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Sabato 28 maggio 2016 a Roccaporena di Cascia è stato celebrato il Giubileo delle persone vedove, promosso dall’Ufficio per la pastorale familiare dell’Archidiocesi e dal Santuario di Roccaporena. Alla scuola di Rita, che ha sperimentato la vedovanza, diverse persone provenienti dall’Umbria, dalla Liguria, dalle Marche e dalla Puglia hanno attinto dal Signore Risorto la luce e la forza per continuare il cammino della vita in comunione con le persone care tornate alla Casa del Padre. «Siamo lieti di accogliervi – ha detto nel saluto iniziale l’arcivescovo Renato Boccardo – nella casa di Rita, Santa che ha vissuto la stessa particolare vostra esperienza». Per colloquiare con i presenti è stato chiamato padre Arnaldo Pangrazzi dell’Ordine dei Ministri degli Infermi (Camilliani), docente di Teologia Pastorale Sanitaria ed esperto nell’elaborazione delle perdite e del lutto, che ha definito Roccaporena «una piccola Nazaret da dove si è sparsa nel mondo una piccola semente di pace e perdono».

All’inizio dell’intervento padre Pangrazzi ha chiarito tre aspetti del cordoglio: «quando muore il coniuge perdiamo il nostro presente, quando muore un genitore perdiamo il nostro passato, quando muore un figlio perdiamo il nostro futuro. Rita ha perso presente, passato e futuro. Alla scuola di questa grande Santa siamo chiamati a trasformare il dolore in missione, ad adoperarci per cicatrizzare la ferita della morte. Dianzi alla morte di un congiunto – ha proseguito – dovremmo aprirci ad una famiglia più grande (parrocchia, associazioni di volontariato ecc…) altrimenti il dolore si trasformerà nella nostra tomba e saremo persone che sopravvivono ma non vivono. La fede, infatti, non ci protegge dal dolore ma ci aiuta ad affrontarlo alla scuola di un giovane di appena 33 anni  – Gesù  – che nella vita aveva fatto solo del bene, eppure fu inchiodato a una croce». Padre Pangrazzi ha poi elencato alcuni “compiti” per superare il lutto. «Certo – ha detto – non si cancella il dolore, ma possiamo impegnarci per far vivere la persona a noi cara nel nostro cuore». Dunque: «accettare la morte e non imbalsamare il dolore (per esempio, non riempire la casa con le foto della persona deceduta e donare gli indumenti a chi è in difficoltà); adattarsi ad una vita cambiata e quindi ripensarla (più attenzione ai figli e ai nipoti, impegno in parrocchia, volontariato in ospedale ecc…). Insomma, nel dolore siamo chiamati ad aprire il cuore agli altri, far sì che sia la speranza a guidare i nostri passi, così come fece Rita quando perse il marito prima e i figli poi».

Nel pomeriggio c’è stata la visita ai luoghi ritiani, poi l’annuncio del Giubileo, il passaggio dalla Porta Santa della Misericordia e la celebrazione eucaristica presieduta dall’Arcivescovo con il dono dell’indulgenza.  Nell’omelia mons. Boccardo ha detto che «non è sempre facile vedere la presenza di Dio quando perdiamo una persona cara. Ci chiediamo: dov’è Dio? E ci sentiamo piccoli e sproporzionati. La fede, però, ci dice che Dio non si diverte a farci star male, ci invita a non fermarci all’apparenza e a cogliere il senso di quello che ci accade, consapevoli che la morte prima o poi arriva e non possiamo fermarla. La nostra cara Santa Rita in questo ci è maestra: se non si fosse affidata a Dio e non avesse ascoltato la sua parola come avrebbe addolcito il carattere del marito, come avrebbe perdonato gli uccisori di quest’ultimo e come avrebbe superato la morte dei figli?». Al termine della Messa mons. Boccardo ha consegnato a ciascuno dei presenti una rosa, simbolo della spiritualità ritiana.

[sfx api=”flickr” album=”72157668356676040″ private=”1″]

Dalla stessa rubrica...

Seguici su Facebook

Dalla stessa rubrica...

ultime pubblicazioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

ultime pubblicazioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Seguici su Facebook