Resoconto della Visita Pastorale nella Pievania di S. Bernardino da Siena. Foto. Video.

Resoconto della Visita Pastorale nella Pievania di S. Bernardino da Siena. Foto. Video.

Resoconto della Visita Pastorale nella Pievania di S. Bernardino da Siena. Foto. Video.

/
/
Resoconto della Visita Pastorale nella Pievania di S. Bernardino da Siena. Foto. Video.
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Avvio della Visita Pastorale a Ferentillo

Mercoledì 8 giugno, avvio della visita alla Pievania. Alle ore 18.00 nella bella chiesa parrocchiale di Santa Maria a Ferentillo mons. Boccardo, con un momento di preghiera di invocazione allo Spirito Santo, ha dato il via alla Visita pastorale nella Pievania di S. Bernardino da Siena. Presenti fedeli in rappresentanza di tutte le parrocchie: Ferentillo, Arrone, Polino, Montefranco, Torreorsina, Collestatte, Cesi e Portaria accompagnati dai rispettivi parroci: don Simone Maggi (Ferentillo, Cesi e Portaria), don Tomasz Grodzki (Arrone e Polino), don Jose Tekkummattom (Montefranco, Torreorsina e Collestatte), don Rinaldo Cesarini (emerito di Ferentillo). Presente il sindaco di Ferentillo Elisabetta Cascelli e alcuni membri della giunta comunale. «Sono qui – ha detto l’Arcivescovo – per un tempo ascolto reciproco. La Visita pastorale è il momento prezioso per gustare la gioia dello stare insieme tra di noi, è l’occasione per crescere reciprocamente nella volontà condivisa di seguire il Signore buon pastore». Al termine, dopo un breve saluto di benvenuto al Vescovo da parte del pievano don Simone Maggi, ha preso la parola il sindaco di Ferentillo Elisabetta Cascelli: «In questi giorni conoscerà meglio la nostra gente, semplice ma generosa. La sua presenza è motivo di orgoglio e sono certa offrirà occasioni di riflessione per costruire insieme il futuro». Dopo un momento di fraternità nella casa canonica, mons. Boccardo ha incontrato i membri del Consiglio pastorale di Pievania e gli operatori pastorali: «Vi esorto – ha detto – ad assumere sempre di più l’idea di territorio pastorale. Superare l’individualismo ecclesiale, fare sempre più rete, avere uno sguardo di insieme e per avere una presenza sempre più significativa e qualificata». FOTO-GALLERY 

Con alcuni abitanti di Torreorsina di Terni

Giovedì 9 giugno, rosario a Torreorsina, Messa a Montefranco e incontro con i collaboratori pastorali delle parrocchie della Pievania. Alle 16.00 l’Arcivescovo è giunto a Torreorsina di Terni. Insieme al parroco don Jose Tekkummattom si è recato a casa dei genitori di Andrea, il 15enne morto a metà maggio 2022 all’età di 15 anni a causa di un male incurabile. Col Presule c’erano i coetanei di Andrea. Poi, alle 16.30 nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta ha presieduto la recita del rosario: «In questo momento di preghiera, raccolto e familiare, rivolgiamo la nostra preghiera al Signore attraverso l’intercessione della Vergine Maria. A lei chiediamo di prendersi cura di noi così come siamo oggi, con le nostre le nostre fragilità e le nostre potenzialità». Alle 18.00, invece, ha celebrato la Messa nella chiesa parrocchiale di Montefranco, concelebrata dai parroci della Pievania e animata dalla corale della medesima Pievania. Presenti numerosi fedeli e i membri della giunta comunale (il sindaco Rachele Taccalozzi era fuori per impegni istituzionali, ndr). Nell’omelia mons. Boccardo ha sottolineato come Gesù ci invita a fare sempre la pace e a lui «la nostra offerta sarà gratuita. Siamo invitati a vivere in pace con tutti e ciò non è scontato in quanto siamo sensibili e suscettibili. Ogni volta che bisticciamo dobbiamo domandare perdono e avere la sensibilità a nostra volta di perdonare. Vivere nella pace costa sacrificio, si devono mettere da parte i risentimenti. Ma c’è necessità di persone che vivano bene e che possano aiutare gli altri a fare altrettanto con gesti di bontà, di misericordia e di perdono. Con il nostro comportamento e la nostra parola possiamo diffondere germi di bene: tu puoi, ci dice Gesù. E lo dice a tutti, piccoli e grandi». La sera ad Arrone c’è stato l’incontro con i collaboratori pastorali della Pievania. FOTO-GALLERY

Polino: benedizione alle persone anziane del paese

Venerdì 10 giugno, rosario a Polino, Messa a Collestatte e incontro con le famiglie. Alle ore 16.00 l’Arcivescovo accompagnato dal parroco don Tomasz Grodzki si è recato nella parrocchia di Polino per la recita del rosario. Ad accogliere il Presule c’era il sindaco Remigio Venanzi e diversi abitanti, tra cui una signora di 103 anni. Il Comune conta poco più di 200 abitanti. Alle 18.00, poi, mons. Boccardo ha celebrato la Messa nella chiesa parrocchiale di Collestatte di Terni. Nell’omelia il Presule ha sottolineato che «nella confusione è impossibile trovare Dio. Ma noi viviamo nella confusione, siamo presi dalla superficialità e dal vivere di corsa. Bisogna fermarsi, nel silenzio, per ascoltare la voce di Dio. Prendiamo seriamente la nostra vita, troviamo del tempo per ascoltare la voce di Dio che ci parla attraverso gli eventi della vita quotidiana. I discepoli di Gesù, infatti, devono farsi guidare dalla generosità e non dal calcolo, contraddistinguendosi dal di più che riescono a fare. Si deve mettere il cuore in quello che si fa e non accontentarsi di adempiere alcuni precetti e doveri». Al termine della celebrazione ha incontrato e dialogato con i ragazzi della catechesi e le loro famiglie. La sera alle 21.00 nei locali parrocchiali di Arrone mons. Boccardo ha dialogato con il gruppo famiglie della Pievania. FOTO-GALLERY

 

Messa a Cesi di Terni

Sabato 11 giugno, Messa a Cesi di Terni. Alle ore 18.00 l’Arcivescovo ha celebrato la Messa, nella festa di S. Onofrio, nella chiesa parrocchiale di Cesi di Terni. Il Presule è stato accolto dal parroco don Simone Maggi, che guida anche la comunità di Portaria di Acquasparta. Era presente il sindaco di Terni Leonardo Latini. Nell’omelia mons. Boccardo ha sottolineato le caratteristiche delle persone della Trinità: il Padre quale creatore, il Figlio quale redentore e lo Spirito quale santificatore. Tutti insieme aiutano a comprendere e interpretare il messaggio di Gesù. Lo Spirito in particolare ci rende capaci di vivere secondo gli insegnamenti di Cristo. Rendersi attenti alla voce dello Spirito che permette di rivolgerci a Dio chiamandolo Padre. Viviamo nel rumore, con tante parole, in un mondo che non ha più punti di riferimento. I cristiani allora devono proporre il senso dell’esistenza mediante la testimonianza della vita. È vero che ci sono le grandi potenze, la politica e la finanza, ma è anche vero che ogni nostro piccolo gesto di bene arresta il progredire del male. S. Onofrio ha accolto Gesù come maestro della sua esistenza: i Santi ci ricordano dunque di essere persone responsabili e fedeli nella vita ordinaria». FOTO-GALLERY

Messa ad Arrone

Domenica 12 giugno, Messa conclusiva ad Arrone. Alle ore 18.00 l’Arcivescovo ha celebrato la Messa conclusiva della Visita pastorale alla Pievania di S. Bernardino da Siena nella chiesa parrocchiale di Arrone. Hanno concelebrato tutti i parroci della zona. Oltre a diversi fedeli, era presente il sindaco di Arrone Fabio Di Gioia. La liturgia è stata animata dalla corale di Pievania. Nel video integrale della Messa: i saluti di don Tomasz Grodzki, di don Simone Maggi e l’omelia dell’Arcivescovo. FOTO-GALLERY  

 

 

 

 

Video della Messa conclusiva ad Arrone, 12 giugno 2022 

ultime pubblicazioni

ultime pubblicazioni

Seguici su Facebook

iscriviti alla newsletter dell’archidiocesi spoleto norcia

Rimani aggiornato sulle novità ed eventi importanti della nostra Diocesi.

stemma-archidiocesi-spoleto-norcia-bianco

archidiocesi spoleto norcia

© Archidiocesi di Spoleto-Norcia | Via Aurelio Saffi, 13 – 06049 Spoleto (PG)
Telefono: 0743.23101 | Fax: 0743.231036 | E-mail: segreteria@spoletonorcia.it

iscriviti alla newsletter dell’archidiocesi spoleto norcia

Rimani aggiornato sulle novità ed eventi importanti della nostra Diocesi.

stemma-archidiocesi-spoleto-norcia-bianco

archidiocesi
spoleto norcia

© Archidiocesi di Spoleto-Norcia | Via Aurelio Saffi, 13 – 06049 Spoleto (PG)
Telefono: 0743.23101 | Fax: 0743.231036 | E-mail: segreteria@spoletonorcia.it