Ingresso dei nuovi parroci a Poggiodomo e Monteleone di Spoleto. Inizia un nuovo percorso pastorale per queste comunità. A ciascuno, parroci e parrocchiani, è chiesta collaborazione e pazienza.

Ingresso dei nuovi parroci a Poggiodomo e Monteleone di Spoleto. Inizia un nuovo percorso pastorale per queste comunità. A ciascuno, parroci e parrocchiani, è chiesta collaborazione e pazienza.

Ingresso dei nuovi parroci a Poggiodomo e Monteleone di Spoleto. Inizia un nuovo percorso pastorale per queste comunità. A ciascuno, parroci e parrocchiani, è chiesta collaborazione e pazienza.

/
/
/
Ingresso dei nuovi parroci a Poggiodomo e Monteleone di Spoleto. Inizia un nuovo percorso pastorale per queste comunità. A ciascuno, parroci e parrocchiani, è chiesta collaborazione e pazienza.
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Domenica 27 settembre 2020 l’arcivescovo Renato Boccardo ha presentato i nuovi parroci a Poggiodomo e a Monteleone di Spoleto. Si tratta di don Canzio Scarabottini, don Alessio Kononov e don Bartolomeo Gladson Sagayaraj, che già hanno assunto (il 20 settembre) la guida della parrocchia di Cascia e della zona pastorale ad essa collegata. L’ingresso è stato caratterizzato da una pioggia battente e da temperature rigide, ben al di sotto della media stagionale.  

Foto-gallery Poggiodomo / Foto-gallery Monteleone di Spoleto 

Ingresso a Poggiodomo. Nel più piccolo Comune dell’Umbria (96 abitanti, secondo i dati Istat al 31 dicembre 2019) la presentazione è avvenuta alle 16.00 nella bellissima chiesa di S. Carlo Borromeo, con un breve momento di preghiera. Della parrocchia, intitolata al Santissimo Salvatore e a S. Pietro, fanno parte anche le frazioni di Mucciafora, Roccatamburo e Usigni. Presente il sindaco Emilio Angelosanti. Gli abitanti della parrocchia c’erano quasi tutti, qualcuno è giunto addirittura da Roma. «Con piacere sono qui – ha detto l’Arcivescovo – per accompagnare i tre nuovi sacerdoti, che non sono solo per Poggiodomo, bensì al servizio di tutta questa zona montana, che va da Cascia a Monteleone di Spoleto. È una cosa nuova che ci dobbiamo disporre ad affrontare con modalità di presenza e pastorali diverse. Il mondo cambia, e con esso le tradizioni, le consuetudini e le necessità. Cerchiamo allora di far fronte a questa situazione con le forze che abbiamo. Vi affido questi tre sacerdoti, prendetevi cura di loro, lavorate insieme. Si tratta di un nuovo inizio per Poggiodomo, comunità – ha detto mons. Boccardo – comunque fortunata e benedetta perché don Saverio Saveri (parroco per 45 anni, ndr) non l’abbandona: lo ringrazio per la vita donata generosamente al servizio di queste popolazioni. Don Saverio lascia la responsabilità della parrocchia, ma non va in pensione: continuerà a prendersi cura di voi insieme ai nuovi parroci». Al termine, ha preso la parola don Canzio Scarabottini a nome di tutti e tre i nuovi parroci: «Siamo contenti di venire in mezzo a voi. Fin da subito vi dico con lealtà: non aspettiamoci le cose di venti o trenta anni fa. Dobbiamo invece aspettarci una evangelizzazione che metta il Vangelo al centro della nostra vita. E allora vi chiediamo collaborazione e pazienza. Accogliamoci nella lealtà, nella verità, in modo reciproco».

Ingresso a Monteleone di Spoleto. Alle 18.00, poi, l’Arcivescovo ha celebrato la Messa nella chiesa di S. Giovanni a Monteleone di Spoleto, presentando anche in quella i comunità i tre nuovi parroci. C’erano il sindaco Marisa Angelini e diversi fedeli. A Monteleone, 600 abitanti, parrocchia e comune hanno lo stesso territorio: oltre al capoluogo le maggiori frazioni sono Ruscio, Trivio e Rescia. «Siamo qui – ha detto mons. Boccardo – a presentare ed accogliere i nuovi parroci: avranno un territorio enorme, da Cascia a Monteleone. Dovranno correre. Perché tutto questo? Perché i sacerdoti diminuiscono di numero e quelli che ci sono aumentano di età. È necessario allora ripensare ai vari livelli la presenza e il ministero dei preti: dobbiamo guardare avanti e non vivere di nostalgia per quello che non c’è più. Non viene meno la presenza dei preti – ha assicurato il Presule – ma ci saranno modalità diverse: a tutti, sacerdoti e comunità, chiedo apertura di mente». Don Canzio, al termine della Messa ha ripetuto quanto detto a Poggiodomo. Il sindaco Marisa Angelini ha ringraziato don Saverio e dato il benvenuto ai nuovi parroci. A nome dell’amministrazione comunale ha donato ai sacerdoti delle medaglie in argento del XVIII-XIX secolo raffiguranti Santa Rita e all’Arcivescovo una del XVIII secolo raffigurante l’esorcismo di S. Benedetto da Norcia.

Dalla stessa rubrica...

Seguici su Facebook

Dalla stessa rubrica...

ultime pubblicazioni

ultime pubblicazioni

Seguici su Facebook