Celebrato il Giubileo dei Vicariati Urbano ed Extraurbano. L’Arcivescovo: «Col sacramento della penitenza la forza creatrice di Dio si rinnova, ridona la bellezza originaria e la ricchezza interiore». Foto.

Celebrato il Giubileo dei Vicariati Urbano ed Extraurbano. L’Arcivescovo: «Col sacramento della penitenza la forza creatrice di Dio si rinnova, ridona la bellezza originaria e la ricchezza interiore». Foto.

Celebrato il Giubileo dei Vicariati Urbano ed Extraurbano. L’Arcivescovo: «Col sacramento della penitenza la forza creatrice di Dio si rinnova, ridona la bellezza originaria e la ricchezza interiore». Foto.

/
/
/
Celebrato il Giubileo dei Vicariati Urbano ed Extraurbano. L’Arcivescovo: «Col sacramento della penitenza la forza creatrice di Dio si rinnova, ridona la bellezza originaria e la ricchezza interiore». Foto.
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Domenica 13 marzo 2016 con il pellegrinaggio nella Cattedrale di Spoleto dei fedeli dei Vicariati Urbano ed Extraurbano sono terminate le stazioni quaresimali nell’Anno Santo della Misericordia. Il programma è stato lo stesso dei precedenti incontri (domenica 21 febbraio Vicariati della Valnerina e Ternano e domenica 6 marzo Vicariato del Clitunno): ritrovo nella chiesa S. Filippo Neri e liturgia penitenziale; processione verso il Duomo; passaggio della Porta Santa e celebrazione eucaristica. Tutti i momenti sono stati presieduti dall’Arcivescovo e animati nel canto dai cori riuniti delle parrocchie. Tantissimi i fedeli che sono giunti dalle parrocchie che ricadono in questi due Vicariati, i più popolati dell’Archidiocesi: quelle del Comune di Spoleto, di Campello sul Clitunno, di Castel Ritaldi, della Val Serra e di Cecalocco e Battiferro nel Comune di Terni. Molte le famiglie con bambini e i giovani.

Nell’omelia mons. Boccardo ha spiegato il significato dell’indulgenza, che ogni fedele presente ha potuto ricevere: «Il peccato anche se perdonato – ha detto – lascia in noi un’impronta negativa. Solo l’indulgenza riesce a cancellare ogni residuo di peccato». Poi, la riflessione sul Vangelo proposto dalla liturgia nella V domenica di Quaresima, quello della donna adultera: «Da tutti è condannata per il suo atteggiamento e questa etichetta non si può cancellare. Gesù viene provocato, gli viene chiesto di schierarsi con lei o contro di lei. Ma lui tace, si china per terra e scrive sulla sabbia. Poi, dice: chi di voi è senza peccato scagli la prima pietra contro di lei. Tutti se ne vanno, rimangono solo Gesù e la donna, la misera e la misericordia direbbe S. Agostino. Questo incontro – ha detto Boccardo – è la celebrazione del perdono che crea nel cuore dell’adultera l’inizio di una nuova possibilità. Col sacramento della penitenza, allora, la forza creatrice di Dio si rinnova, ridona la bellezza originaria e la ricchezza interiore. La misericordia del Padre – ha concluso il Vescovo – è sempre più grande delle nostre povertà e del nostro peccato». 

[sfx api=”flickr” album=”72157663585707304″ private=”1″]

ultime pubblicazioni

ultime pubblicazioni

Seguici su Facebook