I Vescovi umbri nelle zone terremotate. Il Card. Bassetti: «La gente deve tornare a vivere in queste valli». Boccardo: «Urgente ricostruire il tessuto sociale delle comunità; è davvero desolante vedere i nostri paesi privi di vita»

I Vescovi umbri nelle zone terremotate. Il Card. Bassetti: «La gente deve tornare a vivere in queste valli». Boccardo: «Urgente ricostruire il tessuto sociale delle comunità; è davvero desolante vedere i nostri paesi privi di vita»

I Vescovi umbri nelle zone terremotate. Il Card. Bassetti: «La gente deve tornare a vivere in queste valli». Boccardo: «Urgente ricostruire il tessuto sociale delle comunità; è davvero desolante vedere i nostri paesi privi di vita»

/
/
/
I Vescovi umbri nelle zone terremotate. Il Card. Bassetti: «La gente deve tornare a vivere in queste valli». Boccardo: «Urgente ricostruire il tessuto sociale delle comunità; è davvero desolante vedere i nostri paesi privi di vita»
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

«Abbiamo voluto celebrare la nostra bimensile riunione in questa bellissima terra che è la Valnerina ferita dal terremoto». Così si è espresso il Cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve presidente della Conferenza Episcopale Umbra, nell’avviare, martedì 6 dicembre, ad Ancarano di Norcia la riunione di tutti Vescovi delle Diocesi dell’Umbria. La giornata è iniziata all’Abbazia di S. Eutizio a Piedivalle di Preci dove mons. Renato Boccardo, arcivescovo di Spoleto-Norcia e “padrone” di casa, ha illustrato ai suoi confratelli ciò che resta dell’antico complesso monastico gravemente lesionato dai sismi del 24 agosto e del 26 e 30 ottobre.

Poi, sosta alle macerie dell’altro gioiello della Valle Castoriana e Campiana, la chiesa di S. Salvatore a Campi di Norcia. Alle 10.30, invece, è iniziata la riunione dei Vescovi, che si è protratta fino alle 13.00, quando si sono trasferiti al campo sfollati di Ancarano per condividere il pranzo con le persone che hanno perso la casa e spesso anche la speranza per il futuro. «È proprio bello vedere – ha detto il card. Bassetti – la bellissima solidarietà della gente dell’Umbria per la Valnerina, terra dove si è avviata la civilizzazione dell’Europa grazie a S. Benedetto e all’opera dei suoi monaci. La gente – ha proseguito il porporato – deve tornare a vivere in queste valli. Non c’è tempo da perdere, dobbiamo tutti lavorare insieme». Sulla stessa lunghezza d’onda l’arcivescovo Boccardo: «Siamo qui con tutti i Vescovi umbri per dare un segno concreto di vicinanza e solidarietà a questa nostra gente. La cosa più urgente è ricostruire il tessuto sociale e far tornare le persone in Valnerina. È desolante vedere i nostri paesi senza vita. Come cristiani siamo chiamati ad essere portatori di speranza tra la gente che nonostante tutto è tenace e guarda al domani con fiducia. Poi, ci impegneremo per la ricostruzione delle chiese, simbolo e identità del territorio». 

ultime pubblicazioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

ultime pubblicazioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Seguici su Facebook