Accedi

Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordati di me
  • Norcia, Concattedrale di Santa Maria
    Norcia, Concattedrale di Santa Maria

    Norcia, Concattedrale di Santa Maria

  • Norcia, Piazza San Benedetto
    Norcia, Piazza San Benedetto

    Norcia, Piazza San Benedetto

  • Norcia, Basilica San Benedetto
    Norcia, Basilica San Benedetto

    Norcia, Basilica San Benedetto

  • Campi di Norcia, chiesa di S. Andrea
    Campi di Norcia, chiesa di S. Andrea

    Campi di Norcia, chiesa di S. Andrea

  • Abbazia S. Eutizio
    Abbazia S. Eutizio

    Abbazia S. Eutizio a Preci 

  • Preghiera a Norcia alle 7.41 del 30 ottobre 2017, primo anniversario del terremoto
    Preghiera a Norcia alle 7.41 del 30 ottobre 2017, primo anniversario del terremoto

Tantissime persone la sera del 27 gennaio hanno preso parte, nella palestra dell’Oratorio del Sacro Cuore a Spoleto, alla veglia di preghiera presieduta dall’arcivescovo Renato Boccardo a conclusione della giornata di digiuno indetta dallo stesso Presule per elevare a Dio onnipotente una preghiera accorata e confidente perché si calmino le forze della natura - in particolare il terremoto che dal 24 agosto dello scorso anno ha colpito in modo violento il centro Italia, compresa la Valnerina - e sia restituito alle popolazioni un tempo di serenità e di pace.

Foto-gallery veglia di preghiera

 

La preghiera è iniziata col canto “Se tu m’accogli Padre buono” dove si dice, tra l’altro: se nell’angoscia più profonda, quando il nemico assale, se la tua grazia mi circonda, non temerò alcun male. Ti invocherò mio Redentore, e resterò sempre con te. Nel mentre, Arcivescovo e presbiteri sono entrati processionalmente nella palestra e si è svolto il rito del lucernario che solitamente si vive nella veglia pasquale. Così mons. Boccardo: Cristo, il vivente nei secoli, il vincitore del male e della morte, ci invita a non temere. Lui, la luce vera che brilla nelle tenebre, alimenta e sostiene la nostra speranza. È seguito l’ascolto di alcune letture. Il primo brano è stato tratto dai “Discorsi” di S. Pietro Crisologo dove è ben illustrato il senso del digiuno: è l’anima della preghiera; chi digiuna comprende bene cosa significhi per gli altri non aver da mangiare. O uomo, offri a Dio la tua anima ed offri l’oblazione del digiuno, che non germoglia se non è innaffiato dalla misericordia. Poi, il brano del libro di Ester in cui Mardocheo chiede a Dio di risparmiare sofferenze al popolo e di ricordarsi delle sue promesse. Un passo del libro del profeta Isaia ha presentato un Signore che non si dimentica del suo popolo, nonostante i dubbi di quest’ultimo, perché “sulle palme delle mie mani ti ho disegnato”. Infine, la scena Vangelo di Marco della tempesta di vento con i discepoli che dicono a Gesù: “Maestro non ti importa che siamo perduti?”. E lui dopo aver calmato il vento dice ai discepoli: “Perché avete paura, non avete ancora fede?”.

Poi, c’è stata l’omelia dell’Arcivescovo. All’inizio mons. Boccardo ha detto ai presenti: «Molti si sono chiesti il perché del digiuno. Forse – è stato detto - è meglio che la Chiesa faccia cose materiali, dia aiuti concreti ai terremotati? Questo lo facciamo attraverso la Caritas fin dalle ore successive alle scosse del 24 agosto. Una cosa non esclude l’altra. Il primo compito dei cristiani dinanzi ad una calamità – ha detto il Presule - è gridare a Dio e chiedergli misericordia per il popolo. La preghiera e il digiuno, poi, danno forza a quella misericordia che ogni giorno attuiamo nella nostra vita e che noi come comunità cristiana, in questo momento storico, concretizziamo con progetti di sostegno alle persone e alle zone colpite dal terremoto. Gli eventi sismici di questi mesi possono ispirare nella gente lo stesso grido di Isaia: “Il Signore mi ha dimenticato”. Ma Gesù non è venuto per spiegarci o togliere il male e la morte, ma per prendere su di sé queste particolari situazioni, aiutandoci ad affrontarle. Un’altra domanda che sorge nelle nostre menti dopo queste infinite scosse è: quando ne usciremo e come? Dio però ci dice: “I miei pensieri non sono i vostri pensieri, le vostre vie non sono le mie vie”. Dunque – ha proseguito l’Arcivescovo – dobbiamo fidarci di lui anche nel buio degli eventi, anche quando la tempesta, che per noi in questo momento è il terremoto, sembra prendere il sopravvento». Poi, mons. Boccardo, prendendo spunto dall’invocazione di Mardocheo presentata nel libro di Ester, ha detto: «Signore ricordati di noi, comanda alle forze della natura di cessare affinché la terra torni ad essere madre e non matrigna e la nostra gente possa tornare ad una vita tranquilla. Signore, guida i miei passi, donami la tua salvezza, certi che non ci dimenticherai perché i nostri nomi sono scritti nel palmo delle tue mani».