Accedi

Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordati di me
  • Norcia, Concattedrale di Santa Maria
    Norcia, Concattedrale di Santa Maria

    Norcia, Concattedrale di Santa Maria

  • Norcia, Piazza San Benedetto
    Norcia, Piazza San Benedetto

    Norcia, Piazza San Benedetto

  • Norcia, Basilica San Benedetto
    Norcia, Basilica San Benedetto

    Norcia, Basilica San Benedetto

  • Campi di Norcia, chiesa di S. Andrea
    Campi di Norcia, chiesa di S. Andrea

    Campi di Norcia, chiesa di S. Andrea

  • Abbazia S. Eutizio
    Abbazia S. Eutizio

    Abbazia S. Eutizio a Preci 

  • Preghiera a Norcia alle 7.41 del 30 ottobre 2017, primo anniversario del terremoto
    Preghiera a Norcia alle 7.41 del 30 ottobre 2017, primo anniversario del terremoto

Alle 7.41 di mercoledì 30 ottobre 2019 gli abitanti di Norcia, l’arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Conferenza episcopale umbra mons. Renato Boccardo, il sindaco Nicola Alemanno, la neo presidente della Regione Umbria Donatella Tesei, la sovrintendente all’Archeologia, alle Belle Arti e al Paesaggio dell’Umbria Marica Mercalli, i parroci della città don Marco Rufini e don Davide Tononi, i Monaci benedettini col priore padre Benedetto Nivakoff, le autorità civili e militari si sono ritrovati intorno alla statua di S. Benedetto, nella centralissima piazza nursina, per partecipare al momento di preghiera in occasione del terzo anniversario degli eventi sismici del 26 e 30 ottobre 2016 che hanno ferito la Valnerina. Tutti insieme hanno chiesto a Dio Creatore e Padre di soccorrere questa gente che porta “le ferite dei cataclismi che scuotono la profondità della terra e di vegliare sulle famiglie del territorio e sul lavoro”.  

Foto-gallery - Video 

Un’altra opera di fede e d’arte ferita dai terremoti del 2016, una statua lignea del ‘500 che era conservata nella sacrestia della chiesa parrocchiale di S. Pellegrino di Norcia, è stata recuperata. I lavori di restauro sono stati presentati nel pomeriggio di martedì 8 gennaio 2019 nel Salone dei Vescovi del Palazzo Arcivescovile di Spoleto. L’opera è stata recuperata grazie all’iniziativa “Adotta un museo”, promossa da ICOM Italia (International Council of Museums), a favore dei Musei danneggiati dai disastri naturali e ai fondi messi a disposizione della Regione Lombardia per mezzo del Museo Bagatti Valsecchi di Milano. Il costo del restauro è stato all’incirca di 10.000,00 euro. La statua, fin quando non verrà riposizionata nella chiesa di S. Pellegrino una volta ricostruita, sarà conservata nel Museo diocesano di Spoleto.

Foto-gallery

“Padre Santo, che vedi e provvedi a tutte le creature, sostienici con la forza del tuo Spirito, perché in mezzo alle prove della vita, alle preoccupazioni per il nostro futuro non ci lasciamo sopraffare dalla paura e dalla rassegnazione, dallo scoraggiamento e dalla delusione, ma guardiamo al domani con piena fiducia, operando ciascuno secondo le proprie responsabilità per la rinascita morale e materiale del nostro territorio”. È stata questa la preghiera che la sera di sabato 26 ottobre 2019 la comunità parrocchiale dell’Abbazia di S. Eutizio in Preci ha elevato a Dio nella fiaccolata in occasione dei tre anni dalla prima violenta scossa di terremoto, quella del 26 ottobre che ha causato, tra l’altro, il crollo della chiesa di S. Salvatore a Campi di Norcia e che ha preceduto quella ancor più forte del 30 ottobre.

Foto-Gallery / Video

L’arcivescovo di Spoleto-Norcia, mons. Renato Boccardo, ha inaugurato venerdì 21 dicembre scorso un presepe semplice ma dal significato molto importante. Si tratta della natività posta dinanzi a ciò che resta della chiesa di S. Salvatore a Campi di Norcia, crollata a seguito dei terremoti del 2016. L’idea è nata da un dialogo tra la soprintendente all’Archeologia, alle Belle Arti e al Paesaggio dell’Umbria Marica Mercalli, che desiderava molto questo segno, e l’arcivescovo Boccardo. Il parroco dell’abbazia di S. Eutizio don Luciano Avenati, i fedeli delle comunità della Valle Castoriana, l’eremita Taddeo, la Pro-loco e la Comunanza Agraria di Campi hanno realizzato la capanna, posizionato le statue e addobbato anche un albero di Natale. Il tutto ben visibile dalla strada principale che collega Preci con Norcia.

Foto-gallery

Mercoledì 6 marzo 2019 ad Ancarano di Norcia, presso la sala dei moduli abitativi, è stato presentato il restauro del Cristo Crocifisso di Benedetto da Maiano proveniente dalla chiesa della Madonna Bianca. L’intervento è stato eseguito dall’Opificio delle Pietre Dure di Firenze grazie al progetto di recupero delle opere d’arte mobili compromesse dai terremoti del 2016, realizzato in accodo con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio dell'Umbria. Alla presentazione del restauro sono intervenuti: l’arcivescovo di Spoleto-Norcia mons. Renato Boccardo, la soprintendete Marica Mercalli, il sindaco di Norcia Nicola Alemanno il direttore dell’Opificio delle Pietre Dure Marco Ciatti, il restauratore Peter Stiberc.

Foto-Gallery 

È un'edizione speciale sul terremoto quella di Expo Emergenze 2018, rassegna biennale nazionale dedicata al mondo della sicurezza e dell'emergenza, che si svolge dal 16 al 18 2018 novembre all'Umbriafiere di Bastia Umbra. La rassegna si è aperta venerdì 16 con un convegno sul tema "Dalla gestione dell'emergenza sismica 2016 alla ricostruzione", al termine del quale è stata firmata la Convenzione per l'attuazione del Sistema integrato regionale di protezione civile tra Regione Umbria e Anci (Associazione nazionale dei Comuni) Umbria. Nella sessione di apertura, introdotta e moderata dal direttore al Governo del territorio della Regione Umbria, Alfiero Moretti, ci sono stati gli interventi di Luigi D'Angelo, direttore operativo per il coordinamento delle emergenze del Dipartimento nazionale della Protezione civile, su "la gestione dell'emergenza a due anni dagli eventi";