Suor Anna Maria Lolli dopo dieci anni alla guida della Pastorale Giovanile è stata trasferita a Pescara. Afferma: «È stato emozionante vedere i giovani avvicinarsi alla fede». Ai ragazzi dice: «Vi voglio tanto bene! Sarete sempre nel mio cuore».

Suor Anna Maria Lolli dopo dieci anni alla guida della Pastorale Giovanile è stata trasferita a Pescara. Afferma: «È stato emozionante vedere i giovani avvicinarsi alla fede». Ai ragazzi dice: «Vi voglio tanto bene! Sarete sempre nel mio cuore».

Suor Anna Maria Lolli dopo dieci anni alla guida della Pastorale Giovanile è stata trasferita a Pescara. Afferma: «È stato emozionante vedere i giovani avvicinarsi alla fede». Ai ragazzi dice: «Vi voglio tanto bene! Sarete sempre nel mio cuore».

/
/
/
Suor Anna Maria Lolli dopo dieci anni alla guida della Pastorale Giovanile è stata trasferita a Pescara. Afferma: «È stato emozionante vedere i giovani avvicinarsi alla fede». Ai ragazzi dice: «Vi voglio tanto bene! Sarete sempre nel mio cuore».
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Dopo dieci anni di permanenza a Spoleto suor Anna Maria Lolli, delle Figlie dei Sacri Cuori di Gesù di Maria, è stata chiamata dai suoi superiori in Abruzzo, precisamente a Pescara, dove è responsabile di un plesso scolastico dell’Istituto religioso al quale appartiene e anche superiora della comunità composta da venti suore. Nei due lustri trascorsi nella Chiesa di Spoleto-Norcia è stata responsabile della pastorale giovanile diocesana e insegnante di religione all’Istituto Alberghiero di Spoleto. Il timone è stato raccolto da don Pier Luigi Morlino e da suor Lorella Nucci sempre delle Figlie dei Sacri Cuori di Gesù e Maria.

In una lunga intervista al settimanale La Voce (n. 30 dell’11 settembre 2020) suor Anna Maria parla dell’esperienza nella pastorale giovanile di Spoleto-Norcia: «Un dono di Dio – dice – alla mia vita di consacrata. Ma soprattutto una grande sfida che mi ha dato l’opportunità di rimettermi ancora in gioco alla scoperta del mistero che sono i giovani. Sono arrivata anche un po’ intimorita, non conoscevo la realtà ecclesiale di Spoleto-Norcia né quella sociale, non ero mai stata in Umbria. Ma l’onestà, la correttezza e la serietà della gente mi hanno permesso di innamorarmi di questa terra così bella e affascinante, ricca di Santi. E vorrei ringraziare l’arcivescovo Renato Boccardo: è grazie a lui, che ha chiesto ai miei superiori la disponibilità di venire in Umbria, se ho potuto vivere questi anni accanto ai giovani di Spoleto-Norcia». Ricordando i momenti più belli non ha dubbi suor Anna Maria: «I tanti volti incontrati, l’infinità di incontri e soprattutto le Giornate Mondiali della Gioventù. È stato emozionante vedere i giovani avvinarsi alla fede e tanti preti dediti alla passione per il Signore. Una terra bella, abitata da persone belle. Veramente il Signore mi ha dato molto. Tutto conservo nel cuore». E della Chiesa di Spoleto-Norcia la cosa che le manca di più, dice, «sono le persone che con me hanno condiviso la quotidianità, le porto tutte nel cuore. Ai giovani di questa terra dico: vi voglio tanto bene! Sicuramente è molto più quello che ho ricevuto di quello che ho dato. Grazie veramente a tutti. Auguro a chi continua questo cammino con i giovani la grazia di Dio, la sua forza e l’intercessione di S. Giovanni Paolo II a cui è dedicato il “nostro” centro giovanile di Spoleto».

Il link all’intervista integrale: http://lavoce.ita.newsmemory.com/?publink=2a5c89594

Spoleto, 10 settembre 2020 

ultime pubblicazioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

ultime pubblicazioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Seguici su Facebook