Ritiro spirituale delle famiglie tenuto dal Vicario Generale, mons. Luigi Piccioli, e da don Luciano Avenati. Molte le coppie presenti

Ritiro spirituale delle famiglie tenuto dal Vicario Generale, mons. Luigi Piccioli, e da don Luciano Avenati. Molte le coppie presenti

Ritiro spirituale delle famiglie tenuto dal Vicario Generale, mons. Luigi Piccioli, e da don Luciano Avenati. Molte le coppie presenti

/
/
/
Ritiro spirituale delle famiglie tenuto dal Vicario Generale, mons. Luigi Piccioli, e da don Luciano Avenati. Molte le coppie presenti
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Domenica 14 febbraio 2016 a Cannaiola di Trevi si è svolto il ritiro di Quaresima per le famiglie dell’Archidiocesi. Una giornata ricca di insegnamenti, riflessione, confronto, silenzio, fraternità, preghiera. Le coppie di sposi (una quarantina) e i bambini (una trentina, che hanno svolto attività e giochi pensati per loro) sono stati accolti dai responsabili della pastorale familiare don Sem Fioretti e i coniugi Cristina e Roberto Mariottini. Al mattino, dopo la preghiera dell’Ora Terza, il Vicario generale, mons. Luigi Piccioli, ha tenuto un insegnamento su “La gioia, frutto della misericordia”. «Poter comunicare Cristo – ha detto – è motivo di gioia sia per chi comunica, sia per chi accetta di ascoltare.

Anche oggi, famiglie della nostra Chiesa locale, siamo qui per gioia. Noi cristiani – ha continuato il primo collaboratore dell’Arcivescovo – siamo caratterizzati dall’essere creatura nuova grazie al Battesimo. E questo germe di divinità ci spinge all’amore, ci rende aperti ad atteggiamenti e comportamenti cui la sola natura umana non potrebbe far fronte. La nostra vita, allora, non potrà essere cadenzata da interessi e piaceri, ma dall’amore. A volte cechiamo alibi e scuse, addirittura mentiamo: i coniugi tra di loro, i figli ai genitori e viceversa, i fratelli tra loro. È allora opportuno, specialmente in questo tempo di Quaresima – tempo di spoliazione dal quale il Signore fa nascere nuovi germogli dalla cenere – recuperare il silenzio, l’ascolto, la preghiera e la correzione fraterna per superare i momenti di stasi che si presentano, dai quali i cristiani non sono immuni. Il luogo privilegiato per fare ciò è proprio la famiglia, dove si gareggia ogni giorno per la stima vicendevole. Proviamoci e sperimenteremo così la misericordia di Dio; ci renderemo conto che il Padre ancora una volta bussa alla porta del nostro cuore anche se siamo stanchi e ci invita alla conversione, cioè a rimanere noi stessi ma in una luce diversa, quella di Cristo».

Il pranzo è stato un momento per approfondire la conoscenza tra le famiglie della Diocesi e ciò è stato facilitato anche da un ambiente accogliente e ben preparato dalla pastorale familiare: era il giorno di S. Valentino, patrono degli innamorati, e allora su ogni tavolo una candela ben confezionata e dei cuori rossi e bianchi al centro.

Nel pomeriggio don Luciano Avenati, parroco di S. Eutizio e Vicario episcopale per la formazione, ha parlato de “Il vino nuovo delle nozze di Cana simbolo di una fede viva e gioiosa”. «Giovanni con il segno del vino nelle nozze di Cana – ha detto – pone l’accento non sul banchetto nuziale, come una lettura superficiale potrebbe far pensare, ma sulla fede. È un discorso sulla fede e sulla sua trasmissione. E il luogo per eccellenza dove trasmetterla è la famiglia». Don Luciano ha poi spiegato la differenza tra religione e fede: la prima appartiene all’esperienza umana, è facile viverla, a Dio si offrono sacrifici e lui deve corrispondere altrimenti si cambia Dio; la seconda, invece, spinge l’uomo a fidarsi di Dio che la dona, è certezza che lui ama, è consegnarsi a lui. «Da due secoli a questa parte – ha detto il sacerdote – la fede, però, viene vissuta in maniera privata e non come dono da tramandare. E questo anche nelle famiglie, dove spesso i coniugi si danno la buonanotte e poi ognuno prega in silenzio prima di addormentarsi. Non da meno le comunità cristiane, dove sovente le tradizioni congelano la fede, ma continuiamo a ripeterle perché contenti di avere in quell’occasione più gente. È urgente allora convertirsi – e la Quaresima è tempo propizio – ad una fede più genuina, desiderata e gustata come il vino delle nozze di Cana, invitando gli altri a “bere” con noi e testimoniare così la bellezza della vita eterna».

La giornata si è conclusa con la celebrazione eucaristica nel santuario del beato Pietro Bonilli presieduta da don Sem Fioretti.

ultime pubblicazioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

ultime pubblicazioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Seguici su Facebook