Parrocchia Cattedrale: tantissima gente ha partecipato alla festa di S. Antonio nella chiesa di S. Ansano. Messa e processione presiedute dall’Arcivescovo. Foto.

Parrocchia Cattedrale: tantissima gente ha partecipato alla festa di S. Antonio nella chiesa di S. Ansano. Messa e processione presiedute dall’Arcivescovo. Foto.
Avvio Processione

Parrocchia Cattedrale: tantissima gente ha partecipato alla festa di S. Antonio nella chiesa di S. Ansano. Messa e processione presiedute dall’Arcivescovo. Foto.

/
/
/
Parrocchia Cattedrale: tantissima gente ha partecipato alla festa di S. Antonio nella chiesa di S. Ansano. Messa e processione presiedute dall’Arcivescovo. Foto.
Avvio Processione
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Lunedì 13 giugno scorso si è celebrata la festa di Sant’Antonio di Padova. A Spoleto, città nella quale è stato canonizzato, se ne è fatta memoria nella chiesa di Sant’Ansano, parrocchia della Cattedrale. La Santa Messa solenne è stata celebrata dall’Arcivescovo Renato Boccardo. Molte le persone che si sono radunate nella chiesa, ubicata nella parte vecchia della città, per rendere omaggio al Santo discepolo di San Francesco: c’erano gli anziani, maggiormente devoti e legati alla figura del Santo; non mancavano però i più piccoli, molti ancora nei passeggini, che iniziano a conoscere la figura di questo grande predicatore.

Foto-Gallery

 

A concelebrare insieme al vescovo c’erano i presbiteri della parrocchia: mons. Luigi Piccioli, parroco della Cattedrale, don Jozef Gercàk, parroco coadiutore, don Simone Maggi, vicario parrocchiale. C’erano anche altri sacerdoti della città. Il servizio liturgico è stato svolto dai Frati Cappuccini di Spoleto. Nell’omelia il Vescovo ha ricordato come i cristiani sono loro stessi dei discepoli: sono desiderosi di imparare e guardano con ammirazione ai Santi. “Antonio stesso, ha detto, è un modello di vita cristiana perché ha saputo ascoltare in Vangelo. Noi stessi, infatti, ricordiamo Sant’Antonio per le sue doti di grande comunicatore”. Il Vescovo ha poi invitato l’assemblea a seguire due passioni di sant’Antonio. La prima è quella per Dio: “dobbiamo essere cristiani ogni giorno, dobbiamo imparare a realizzare il bene, non a parole ma con i fatti concreti. La seconda – ha continuato – è la grande passione di Antonio per Dio, che scaturisce dalla sua passione per gli uomini”. La celebrazione eucaristica è stata animata dai bambini della parrocchia che hanno ricevuto la prima Comunione lo scorso mese di maggio. Al termine della celebrazione si è svolta una processione, per le vie del centro storico della città, nella quale mons. Boccardo ha invitato le persone a viverla come un momento per tendere l’orecchio a Dio e non come una devozione esteriore, fatta solo di gesti. Alla fine della processione c’è stata la  benedizione dei bambini e dei ragazzi. La serata si è conclusa con un momento di fraternità nei locali del complesso di S. Ansano. 

Dalla stessa rubrica...

Seguici su Facebook

Dalla stessa rubrica...

ultime pubblicazioni

ultime pubblicazioni

Seguici su Facebook