Il Direttore della nostra Caritas diocesana, avv. Giorgio Pallucco, è stato nominato dalla Conferenza Episcopale Umbra nuovo Delegato Regionale della Caritas. Il comunicato ufficiale della CEU.

Il Direttore della nostra Caritas diocesana, avv. Giorgio Pallucco, è stato nominato dalla Conferenza Episcopale Umbra nuovo Delegato Regionale della Caritas. Il comunicato ufficiale della CEU.

Il Direttore della nostra Caritas diocesana, avv. Giorgio Pallucco, è stato nominato dalla Conferenza Episcopale Umbra nuovo Delegato Regionale della Caritas. Il comunicato ufficiale della CEU.

/
/
/
Il Direttore della nostra Caritas diocesana, avv. Giorgio Pallucco, è stato nominato dalla Conferenza Episcopale Umbra nuovo Delegato Regionale della Caritas. Il comunicato ufficiale della CEU.
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Nel pomeriggio di giovedì 9 maggio si è riunita a Foligno, presso la casa “Il Germoglio Meraviglioso”, la Delegazione regionale della Caritas Umbria, presieduta da mons. Renato Boccardo, arcivescovo di Spoleto-Norcia e delegato della Ceu per il servizio alla carità. Il Presule ha comunicato ai presenti che i Vescovi umbri hanno nominato quale nuovo Delegato regionale della Caritas l’avvocato Giorgio Pallucco, direttore della Caritas diocesana di Spoleto-Norcia. Subentra al prof. Marcello Rinaldi, direttore della Caritas diocesana di Orvieto-Todi, giunto al termine del suo quinquennale mandato (non rinnovabile per statuto, ndr). La Conferenza episcopale umbra, nell’augurare a Pallucco un proficuo servizio alla Chiesa, esprime profonda gratitudine al prof. Rinaldi per la dedizione e la competenza profuse in questo lustro alla guida della Delegazione Regionale Caritas. Pallucco, rimane comunque alla guida della Caritas diocesana di Spoleto-Norcia.

Giorgio Pallucco, spoletino di 40 anni, è sposato ed ha una figlia di tre anni. Il suo percorso nella Caritas di Spoleto-Norcia è iniziato nel 1998 quando, appena laureato in Giurisprudenza all’Università di Perugia, ha avviato il servizio civile come obiettore di coscienza. L’allora Direttore della Caritas, mons. Sergio Virgili, considerati i suoi studi giuridici, gli propose di avviare un servizio legale per gli immigrati. Il giovane Pallucco, divenuto avvocato nel 2003 e conseguito un master in management dei servizi sanitari all’Università cattolica del Sacro Cuore di Milano nel 2009, vi ha dedicato molto tempo e tanta passione, non soffermandosi alle carte, ma ascoltando ogni persona, capendo il loro vissuto, mettendo in pratica quel passo del Libro del Levitico appeso al muro del suo ufficio: “Il forestiero dimorante tra di voi lo tratterete come colui che è nato fra voi”. Questo servizio col tempo si è strutturato, fino alla costituzione dell’Ufficio immigrati diocesano, punto di riferimento per tutta l’Umbria. Nell’ottobre del 2011 l’arcivescovo di Spoleto-Norcia, mons. Renato Boccardo, lo ha nominato prima vice-direttore della Caritas e il 24 agosto 2012 direttore, subentrando a don Vito Stramaccia.

«La scelta dei Vescovi umbri – afferma l’avvocato Pallucco – di nominarmi quale nuovo Delegato Regionale Caritas mi onora e a loro va la mia immensa gratitudine. Inizio questo nuovo servizio alla Chiesa regionale in un momento particolarmente difficile nel quale la crisi socio-economica oltre al volto della povertà materiale ci sta evidenziando anche le povertà relazionali che affliggono i rapporti sociali: penso agli anziani che vivono soli, agli adulti che non hanno tempo di occuparsi dei figli, alla crisi adolescenziale sottovalutata, alla rottura dei legami familiari. Uno sguardo di attenzione particolare – continua il neo Delegato – lo riservo a tutte quelle persone che hanno perso il lavoro a causa della crisi e al grande impegno della Chiesa umbra per sostenerle tramite il Fondo di Solidarietà. È mia intenzione visitare quanto prima le Caritas diocesane per conoscere e ascoltare gli operatori e per rendermi conto delle ricchezze delle varie Opere segno. Sulla scia di chi mi ha preceduto, al quale va il mio personale ringraziamento, mi impegnerò affinché aumenti ancora di più il senso di appartenenza delle Caritas diocesane alla Delegazione regionale».

ultime pubblicazioni

ultime pubblicazioni

Seguici su Facebook