Gemellaggio diocesano con la Georgia

Gemellaggio diocesano con la Georgia

Gemellaggio diocesano con la Georgia

/
/
/
Gemellaggio diocesano con la Georgia
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

I rapporti tra la Chiesa di Spoleto-Norcia e il Caucaso sono iniziati nel 2002, quando l’arcivescovo mons. Riccardo Fontana e un significativo numero di sacerdoti si sono recati in Armenia per gli esercizi spirituali.

La nostra diocesi ha legami storici con il paese armeno, patria d’origine di S. Emiliano, vescovo e martire di Trevi. Il 28 gennaio 2003 il Nunzio Apostolico in Georgia, Armenia e Azerbaijan, l’arcivescovo Claudio Gugerotti, ha presieduto il solenne pontificale in onore di S. Emiliano.

L’estate dello stesso anno un gruppo di giovani universitari, accompagnati dall’arcivescovo Fontana, da alcuni sacerdoti e da un diacono, si sono recati in Georgia per uno scambio culturale e spirituale con i loro coetanei georgiani.

E’ stata un’esperienza estremamente interessante e significativa, che ha contribuito ad allacciare rapporti di amicizia con il popolo georgiano. La visita è stata anche l’occasione per visitare le strutture della Caritas di Tbilisi e per rendersi conto delle necessità di un popolo martoriato da conflitti interni e da un’economia praticamente inesistente.

Quel gruppo di giovani, una volta rientrati in Italia, si sono subito mobilitati per attivare, in accordo con la Caritas diocesana, le adozioni a distanza a favore di un considerevole numero di bambini orfani, ospiti del centro di accoglienza della Caritas.

Da quell’esperienza è partita in tutta la diocesi una forte sensibilizzazione verso la situazione georgiana. Ogni anno tutte le parrocchie della diocesi raccolgono alimenti e indumenti da inviare a Tbilisi; in questa direzione sono state mobilitate anche molte industrie del territorio. Sinora sono nove i container spediti in Georgia.

Un momento particolare del gemellaggio tra Spoleto e la Georgia si è avuto nell’estate del 2004 quando un gruppo di bambini orfani, ospiti della Caritas di Tbilisi, si sono recati a Spoleto per ringraziare di persona i benefattori umbri.

Nel 2005 un gruppo di medici spoletini sono andati a Tbilisi per insegnare ai medici georgiani il funzionamento di alcuni macchinari provenienti dall’Italia. Nel 2006 nella capitale della Georgia è stata accesa la Fiaccola Benedettina Pro Pace.

In quell’occasione il presidente del Centro di Solidarietà “d. Guerrino Rota”, mons. Eugenio Bartoli, si è reso disponibile per la formazione – a Spoleto – di alcuni volontari della Caritas, che andranno a svolgere il loro servizio in un centro di recupero per tossicodipendenti di prossima apertura.

Nell’agosto 2006, invece, un gruppo di giovani si sono recati per un’esperienza missionaria in Azerbaijan e Georgia.

ultime pubblicazioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

ultime pubblicazioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Seguici su Facebook