Accedi

Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordati di me

Mons. Riccardo FontanaRICCARDO FONTANA, Arcivescovo dal 1995 al 2009

Mons. Riccardo Fontana è nato il 20 gennaio 1947 a Forte dei Marmi, in Versilia, Arcidiocesi di Pisa.

Dopo una significativa esperienza nell'Azione Cattolica, a 18 anni entra nel Seminario della Chiesa Pisana. A Roma, come alunno del Collegio Capranica, appena conseguita la Licenza in Teologia presso l’Università Gregoriana va in parrocchia per completare, con il servizio pastorale, la preparazione al sacerdozio. Il 2 luglio 1972 è ordinato presbitero in Pisa.

Vicario Cooperatore della Parrocchia del Preziosissimo Sangue a Roma, incaricato della Pastorale Giovanile di zona, insegna religione nei Licei.

Presso la Pontificia Università Lateranense, con una tesi dottorale sulla revisione del Concordato del 1929, completa la formazione giuridica già ricevuta presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Roma - La Sapienza.

Chiamato nel Servizio Diplomatico della Santa Sede, va come Addetto e poi Segretario della Nunziatura Apostolica in Indonesia.

Nel 1981, ritorna a Roma, presso il Consiglio per gli Affari Pubblici della Chiesa: collabora nella Segreteria dell’allora Arcivescovo Mons. Achille Silvestrini. Poi diviene responsabile in Segreteria di Stato per l’area del Sud-Est Asiatico, l’Australia e l’Oceania.

Intanto, presso l’opera Regina Apostolorum, in Diocesi di Roma, è incaricato della catechesi ai giovani professionisti. Diviene Assistente Ecclesiastico del gruppo “Pro-Sanctitate” e della “Famiglia Gesù-Maria”, tra gli ex-alunni, i docenti e i genitori dell’omonima scuola romana. Nel frattempo, esercita il ministero di cappellano presso le Suore Piccole Ancelle di Cristo Re, nella residenza per Anziani alla Madonna del Riposo.

Nominato Rettore della Chiesa di S. Barbara dei Librari, in Roma, la riapre al culto, dopo oltre un secolo di non utilizzo. Assieme ad un gruppo di laici, dà vita alla “Comunità di S. Barbara” per la pastorale giovanile, la catechesi degli adulti, l’animazione del volontariato alla carità e la formazione della Comunità Cristiana.

Dalla Conferenza Episcopale del Lazio, per un quadriennio, viene nominato Assistente Ecclesiastico Regionale per gli Scout dell’AGESCI.

Per quattro anni è capo della segreteria del Cardinale Angelo Sodano, Segretario di Stato di Giovanni Paolo II.

Il 16 dicembre 1995 viene eletto Arcivescovo di Spoleto-Norcia e consacrato vescovo il 6 gennaio 1996 nella Basilica Vaticana da Papa Giovanni Paolo II. Il 13 gennaio, per i primi vespri del patrono S. Ponziano, fa il suo ingresso in Diocesi. Nel 1997 inizia la sua prima Visita Pastorale e alla Pentecoste del 2000 avvia, dopo sessantatre anni il Sinodo diocesano che, dopo un triennio, arriva a compimento.

In attuazione delle decisioni sinodali, si dà nuovo impulso alla carità, avviando “opere segno” nelle nove Foranie.

Si riforma la catechesi di iniziazione cristiana, di concerto con l’Ateneo Salesiano di Roma, promuovendo con i laboratori di catechesi l’adattamento diocesano al progetto catechetico della Conferenza Episcopale Italiana, attraverso i vari linguaggi usati dai ragazzi.

La Scuola Diocesana di Teologia è preliminare alla promozione dei ministeri laicali e all’ordinazione dei diaconi permanenti. Dalla chiesa cattedrale parte un rinnovato interesse per la liturgia e il bello espresso nelle varie forme previste dal Vaticano II e si diffonde in tutta la Diocesi.

Il grande impegno per la Pastorale Giovanile, tra l’altro, fa riattivare gli Oratori, dando rinnovata consistenza all’antica istituzione. Una Legge Regionale conferma l’opera diocesana, sovvenzionandone le attività, come risposta alla emergente questione educativa.

L’impulso dato alla Pastorale Sanitaria culmina con la convenzione firmata tra la Regione e la Conferenza Episcopale Regionale.

La rete museale ecclesiastica, a valorizzazione e tutela dei beni d’arte della Chiesa, è il completamento di una poderosa opera trasversale svolta nelle varie Diocesi umbre, in esecuzione della delega attribuita dai Vescovi della Regione a mons. Fontana.

La Settimana Liturgica Nazionale dell’estate del 2007 compendia con la grande mostra “Santi e Papi in terra d’Umbria” il rigore culturale e l’afflato pastorale dell’impegno per la liturgia e l’arte.

Decine di convegni, pubblicazioni, congressi nazionali esprimono l’attività culturale dell’Arcidiocesi rinnovata dal Sinodo, nelle sue manifestazioni esteriori, ma ancor più nella sua consapevolezza di popolo di Dio, attorno alla centralità della Scrittura.

Gran parte del laicato si collega con gli organi partecipativi della Diocesi: nascono ministeri di fatto e una forte animazione dello storico territorio.

Durante il suo ministero, l’Arcivescovo ha arricchito l’Arcidiocesi di 37 nuovi sacerdoti, 25 ordinati dallo stesso mons. Fontana, che dopo venticinque anni ha riaperto il Seminario diocesano.

L’Associazione di Spoleto “Scienza e vita”, la più grande dell’Umbria, la Pastorale a tutela della vita e delle nuove nascite ha coinvolto il mondo della salute e le giovani famiglie.

L’impegno per la difesa dei posti di lavoro e la passione per le tematiche sociali hanno distinto l’opera della Diocesi in questo ultimo decennio, fino alla creazione del grande Fondo di Solidarietà delle Chiese Umbre, di cui i Vescovi hanno dato la presidenza all’Arcivescovo Fontana, per l’opera di sensibilizzazione svolta e la grande raccolta di fondi ottenuta.

Il primo convegno regionale sulle Comunicazioni Sociali ha coronato l’opera di sensibilizzazione dei rapporti tra Chiesa e territorio. Soprattutto a Spoleto la collaborazione tra Chiesa e società civile ha ridato attenzione e voce pubblica alla comunità ecclesiale che, aliena da ogni ricerca di potere, ha potuto fare da riferimento a credenti e non, in dialogo con tutti secondo gli insegnamenti del Vaticano II.

La ricostruzione del post terremoto ha permesso in questi anni di ripristinare oltre 200 chiese e di ridare assetto funzionale alle strutture dell’Arcidiocesi e delle Parrocchie.

Varie volte chiamato in giro per l’Italia per la predicazione al clero di esercizi e ritiri, l’Arcivescovo si è particolarmente impegnato per la formazione del laicato.

Le relazioni con il Kosovo, la Georgia, l’Armenia, l’Azerbaijan, la Russia e l’India hanno punteggiato in questi anni l’attenzione per le missioni della nostra Chiesa, dove l’antico diplomatico si è fatto pastore di Chiese sorelle, insieme al suo popolo, nel sostegno delle missioni e nella promozione di significative opere di carità, cercando sempre la collaborazione con le Chiese dell’Umbria.

È Vice Presidente della Conferenza Episcopale Umbra (CEU) con le deleghe al Servizio della Carità e della Salute, ai Migranti, ai Beni Culturali Ecclesiastici, alla Cultura, alle Comunicazioni Sociali e agli Oratori.

È Vice Presidente di Caritas Italiana e Segretario della Commissione Episcopale per il Servizio della Carità e la Salute della Conferenza Episcopale Italiana (CEI).

Il 16 luglio 2009 Papa Benedetto XVI lo nomina Arcivescovo-Vescovo di Arezzo-Cortona-Sansepolcro.