Frammenti di speranza: ai Musei Vaticani, presentazione del restauro della croce dipinta dell’Abbazia di S. Eutizio. Foto e video.

Frammenti di speranza: ai Musei Vaticani, presentazione del restauro della croce dipinta dell’Abbazia di S. Eutizio. Foto e video.

Frammenti di speranza: ai Musei Vaticani, presentazione del restauro della croce dipinta dell’Abbazia di S. Eutizio. Foto e video.

/
/
Frammenti di speranza: ai Musei Vaticani, presentazione del restauro della croce dipinta dell’Abbazia di S. Eutizio. Foto e video.
Mons. Boccardo in visita ai Laboratori dei Musei Vaticani ammira la croce restaurata

Venerdì 3 marzo 2023 è stata inaugurata nei Musei Vaticani la mostra curata da Anna Pizzamano “Frammenti di Speranza. La ricostruzione della Croce dipinta dell’Abbazia di S. Eutizio: un progetto espositivo realizzato in collaborazione con l’Archidiocesi di Spoleto-Norcia e che mira a presentare al pubblico dei Musei del Papa la mirabile ricostruzione, all’indomani dei terribili eventi sismici, del Crocifisso ligneo di Nicola di Ulisse da Siena (1442-1477), gravemente danneggiato nel crollo dell’Abbazia di S. Eutizio a Preci a seguito dei terremoti del 2016.

Nella Sala Conferenze dei Musei Vaticani sono intervenuti: il cardinale Fernando Vèrgez Alzaga, L.C., Presidente del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano; mons. Renato Boccardo, Arcivescovo di Spoleto-Norcia; Barbara Jatta, Direttore dei Musei Vaticani; Anna Pizzamano, Reparto per l’Arte Bizantino-Medievale; Francesca Persegati, Responsabile del Laboratorio Restauro Dipinti e Materiali Lignei. Molte le persone presenti tra cui il parroco dell’Abbazia don Luciano Avenati, il sindaco di Preci Massimo Messi, quello si Sant’Anatolia Tullio Fibraroli, quello di Scheggino Fabio Dottori, il responsabile dell’ufficio beni culturali dell’Archidiocesi Andrea Rutili.

L’esposizione dell’opera ha dato il via formale ai 100 anni di attività del laboratorio restauri dipinti e materiali lignei dei Musei del Papa (1923-2023). Dopo il Reliquiario di San Galgano, restituito all’ammirazione della comunità di Siena, la Pinacoteca Vaticana torna dunque ad accogliere nella Sala XVII un altro prezioso manufatto, questa volta scelto tra le opere danneggiate in Valnerina dal terremoto del 2016, e restaurato grazie al corale e certosino intervento degli specialisti dei laboratori dei Musei Vaticani.

Un restauro complesso. Furono ben trentatré i frammenti del Crocifisso ritrovati tra le macerie dagli addetti della Protezione Civile e dai restauratori dei Musei Vaticani che, in momenti diversi, intervennero sul posto per il recupero dei beni artistici. A più di 6 anni da quell’infausto 30 ottobre 2016, la Croce di Sant’Eutizio sarà per la prima volta nuovamente visibile ai visitatori e pellegrini grazie all’intervento multidisciplinare e sinergico del Gabinetto di Ricerche Scientifiche applicate ai Beni Culturali e del Laboratorio di Restauro Dipinti e Materiali lignei che, con questa esposizione, dà il via formale alle celebrazioni per il centesimo anniversario di attività.

Il ritorno in Diocesi. Questa estate l’opera, così restaurata e “rinata”, partirà poi alla volta di Spoleto per essere esposta nella Basilica di Sant’Eufemia, in attesa che possa far ritorno definitivamente nel complesso abbaziale dove sono stati avviati gli interventi di ricostruzione della chiesa.

CLICCA QUI per Tutte le info sull’opera e le foto

CLICCA QUI PER IL VIDEO

Dalla stessa rubrica...

ultime pubblicazioni

ultime pubblicazioni

Seguici su Facebook