Celebrata la Presentazione al Tempio di Gesù con i religiosi e le religiose dell’Archidiocesi alla Madonna della Stella. Chiuso ufficialmente l’Anno dedicato alla Vita Consacrata. Foto

Celebrata la Presentazione al Tempio di Gesù con i religiosi e le religiose dell’Archidiocesi alla Madonna della Stella. Chiuso ufficialmente l’Anno dedicato alla Vita Consacrata. Foto
vitaconsacrata2016

Celebrata la Presentazione al Tempio di Gesù con i religiosi e le religiose dell’Archidiocesi alla Madonna della Stella. Chiuso ufficialmente l’Anno dedicato alla Vita Consacrata. Foto

/
/
/
Celebrata la Presentazione al Tempio di Gesù con i religiosi e le religiose dell’Archidiocesi alla Madonna della Stella. Chiuso ufficialmente l’Anno dedicato alla Vita Consacrata. Foto
vitaconsacrata2016
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

L’Arcivescovo ha celebrato la Presentazione al Tempio di Gesù e la festa della Vita consacrata insieme ai religiosi e alle religiose dell’Archidiocesi, martedì 2 febbraio presso il santuario della Madonna della Stella di Montefalco. L’occasione è stata propizia per chiudere ufficialmente l’Anno della Vita consacrata, voluto da Papa Francesco. Nella sala convegni del santuario, è stato ospitato un momento di confronto – presieduto dall’Arcivescovo e coordinato da padre Matteo Marcheselli, sacerdote incaricato per i religiosi – durante il quale i presenti hanno espresso la bellezza dell’essere consacrati e i carismi delle proprie ‘famiglie’ di appartenenza.  Amore verso Gesù Cristo e la Sua Chiesa, sguardo pulito, fermezza nei propositi, entusiasmo che si rinnova ogni giorno: queste sono solo alcune delle ‘virtù’ ricordate tra quelle che animano la vita consacrata.

Attenzioni che sono anche esempio e modello per chi osserva dal di fuori, soprattutto per i giovani. Al termine dell’incontro, l’Arcivescovo ha espresso il desiderio di organizzare due momenti, durante il Giubileo, in cui approfondire la bolla di indizione “Misericordie Vultus” con i religiosi, come occasioni di condivisione e formazione, come espressione di un unico corpo che opera e si impegna sinodalmente.

È seguita la benedizione delle candele sul piazzale antistante il santuario, durante la quale mons. Boccardo ha ricordato che, questo Anno di misericordia, chiede ancor più coerenza e capacità di saper ‘abitare’ il tempo in cui si vive. Il corteo ha varcato la soglia della Porta santa, prima di partecipare alla santa Messa. La funzione è stata occasione per celebrare gli anniversari di alcuni consacrati: i 50esimi di Vita consacrata per il padre Luciano Temperilli, passionista, e per tre religiose dell’istituto della Sacra Famiglia di Spoleto, suor Corrada Copertino, suor Giovanna Per e suor Consolata Andreoni; il 25esimo di ordinazione sacerdotale di don Mario Proietti, missionario del Preziosissimo Sangue.

[sfx api=”flickr” album=”72157663721536020″ private=”1″]

ultime pubblicazioni

ultime pubblicazioni

Seguici su Facebook