Festa di S. Antonio: l’Arcivescovo ha celebrato la messa a Norcia e ha benedetto gli animali

Festa di S. Antonio: l’Arcivescovo ha celebrato la messa a Norcia e ha benedetto gli animali

Festa di S. Antonio: l’Arcivescovo ha celebrato la messa a Norcia e ha benedetto gli animali

/
/
/
Festa di S. Antonio: l’Arcivescovo ha celebrato la messa a Norcia e ha benedetto gli animali
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Martedì 17 gennaio la Chiesa ha fatto memoria di S. Antonio abate. L’Arcivescovo Boccardo ha presieduto la Messa nella chiesa di S. Antonio a Norcia, attigua al monastero delle Benedettine. Con il Presule hanno concelebrato: l’arciprete di Norcia mons. Mario Curini, il suo vice parroco e due monaci benedettini. Naturalmente non potevano mancare le monache, con in testa la badessa madre Caterina Corona. “Motore” della festa di S. Antonio in terra nursina è don Dario dell’Orso. Presente anche il sindaco Giampaolo Stefanelli.

Foto-Gallery

Numerosi i pastori e gli agricoltori del territorio che si sono ritrovati a lodare il Signore per un altro anno di lavoro trascorso e per chiedere a S. Antonio protezione per i loro animali. Nell’omelia l’Arcivescovo, ricordando la conversione di S. Antonio (viveva in una grande e ricca città dell’Egitto; un giorno, ascoltando le parole di Gesù – “Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!” – decise di ritirarsi nel deserto, ndr), ha invitato i presenti a vivere seriamente la vita. «Siamo tutti chiamati – ha detto mons. Boccardo – ha fare qualcosa di più nella vita, a superare l’egoismo e la cattiveria che c’è dentro di noi. Non accontentiamoci, non rinchiudiamoci nell’egoismo, non misuriamo la vita solo con il conto corrente bancario. Quello che conta per essere felici è la ricchezza del cuore, è fare le cose ordinarie di tutti i giorni con onestà e non secondo convenienza o con superficialità. S. Antonio – ha concluso – ci ricorda che a tutti noi manca un qualcosa per rendere la vita migliore».

Al termine della celebrazione eucaristica, mons. Boccardo ha ringraziato i pastori e gli agricoltori per la loro presenza e per la loro generosità: grazie alle loro iniziative benefiche, infatti, è stato possibile restaurare alcune opere d’arte della chiesa di S. Antonio di Norcia.

Nel pomeriggio, l’Arcivescovo ha benedetto le agnelle, i cavalli, un vitellino e tanti altri animali domestici riuniti nel piazzale antistante la chiesa. Il gruppo dei pasquarellari di Norcia ha suonato e cantato musiche e testi tipici della tradizione nursina. Don Dario dell’Orso ha voluto sottolineare l’eccezionalità dell’evento: «cari amici pastori – ha detto – segnate questa data nel calendario. La presenza dell’Arcivescovo alla benedizione degli animali, infatti, non era prevista. È stato un momento storico, in quanto erano moltissimi anni che un Vescovo non si fermava anche il pomeriggio per benedire gli animali».

Dalla stessa rubrica...

Seguici su Facebook

Dalla stessa rubrica...

ultime pubblicazioni

ultime pubblicazioni

Seguici su Facebook