La comunità musulmana di Spoleto ha partecipato alla Messa in Duomo come segno di solidarietà e cordoglio dopo l’assassinio di padre Jacques Hamel

La comunità musulmana di Spoleto ha partecipato alla Messa in Duomo come segno di solidarietà e cordoglio dopo l’assassinio di padre Jacques Hamel

La comunità musulmana di Spoleto ha partecipato alla Messa in Duomo come segno di solidarietà e cordoglio dopo l’assassinio di padre Jacques Hamel

/
/
/
La comunità musulmana di Spoleto ha partecipato alla Messa in Duomo come segno di solidarietà e cordoglio dopo l’assassinio di padre Jacques Hamel
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Il Consiglio francese del culto musulmano (Cfcm) ha invitato i responsabili delle moschee, gli imam e i fedeli musulmani di Francia a recarsi «domenica mattina», 31 luglio, a Messa, magari nella chiesa più vicina a casa loro, per esprimere «solidarietà e cordoglio» dopo il «vile assassinio» di padre Jacques Hamel, sgozzato martedì scorso mentre celebrava l’eucarestia nella chiesa di Saint-Étienne-du-Rouvray, in Normandia, durante un sequestro di persona perpetrato da due estremisti islamici nella sua parrocchia e rivendicato da Daesh. Lo stesso organismo italiano ha rilanciato l’invito e in molte città della Penisola molti musulmani hanno partecipato alle celebrazioni eucaristiche.

 

A Spoleto la locale comunità islamica si è recata nella Basilica Cattedrale per assistere alla Messa delle 11.30 celebrata dal rettore del Duomo don Sem Fioretti. All’inizio un rappresentante della comunità, Nasir Karim, è stato invitato a portare un saluto: «Siamo vicini e solidali – ha detto – con i fratelli cristiani. Chi uccide un’anima innocente è come se uccidesse tutto il mondo. Nessuno può uccidere in nome di Dio. Sono i criminali che, purtroppo, si servono della nostra religione per i loro interessi». I numerosi fedeli presenti alla celebrazione domenicale hanno sottolineato le parole con un lungo appaluso. Nell’omelia don Sem ha portato i saluti e l’affetto dell’arcivescovo Renato Boccardo (in Polonia, a Cracovia, per la Giornata Mondiale della Gioventù, ndr) ai fratelli della comunità islamica. «Il nostro Pastore – ha detto il rettore della Cattedrale – partecipa a questo momento con la preghiera e, con noi, chiede a Dio il dono prezioso della pace». Quanto accaduto in moltissime chiese francesi e italiane è un segnale incoraggiante, senza precedenti e più che mai necessario in questo momento drammatico dove soffiano sinistri i fuochi di chi evoca una guerra di religione.

ultime pubblicazioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

ultime pubblicazioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Seguici su Facebook