Covid-19: l’Arcivescovo in preghiera solitaria la cimitero monumentale di Spoleto per le persone morte a causa del Coronavirus e poi alla Basilica di S. Ponziano. Foto e video.

Covid-19: l’Arcivescovo in preghiera solitaria la cimitero monumentale di Spoleto per le persone morte a causa del Coronavirus e poi alla Basilica di S. Ponziano. Foto e video.

Covid-19: l’Arcivescovo in preghiera solitaria la cimitero monumentale di Spoleto per le persone morte a causa del Coronavirus e poi alla Basilica di S. Ponziano. Foto e video.

/
/
/
Covid-19: l’Arcivescovo in preghiera solitaria la cimitero monumentale di Spoleto per le persone morte a causa del Coronavirus e poi alla Basilica di S. Ponziano. Foto e video.
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Venerdì 27 marzo 2020 alle ore 15.00 l’arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Conferenza Episcopale Umbra mons. Renato Boccardo si è recato, da solo, in unione con tutti i Vescovi d’Italia, che hanno compiuto lo stesso gesto, al cimitero monumentale di Spoleto per pregare per i defunti a causa del Coronavirus, per tutte quelle persone che sono andate incontro alla morte senza la compagnia e la presenza dei familiari, senza il conforto dei sacramenti. «Noi sappiamo bene – ha affermato il Presule – che Dio va al di là dei sacramenti, raggiunge il cuore degli uomini e accoglie la loro verità e la loro dedizione e dona loro la salvezza. Però li vogliamo accompagnare con la nostra preghiera di suffragio». L’Arcivescovo affiderà alla bontà e alla misericordia del Signore tutti i defunti: quelli del Coronavirus, ma anche quelli che sono sepolti nei cimiteri della Diocesi di Spoleto-Norcia.

Foto / Video

Tornando dal cimitero di Spoleto, mons. Boccardo si è fermato presso la Basilica di S. Ponziano: al patrono della Città ha rivolto la preghiera di supplica affinché ci difenda dal male. «Noi veneriamo S. Ponziano – ha detto il Presule – come patrono dal terremoto e gli si attribuisce nella tradizione popolare quella promessa “Spoleto tremerà, ma non crollerà”. E allora chiederò a nome vostro a S. Ponziano di continuare a proteggere Spoleto e quando pensiamo Spoleto pensiamo a tutta la Diocesi».

ultime pubblicazioni

ultime pubblicazioni

Seguici su Facebook