Assemblea diocesana del Clero. I sacerdoti hanno riflettuto sul dovere dell’evangelizzazione e hanno definito l’istituzione di dodici Zone Pastorali o Pievanie

Assemblea diocesana del Clero. I sacerdoti hanno riflettuto sul dovere dell’evangelizzazione e hanno definito l’istituzione di dodici Zone Pastorali o Pievanie

Assemblea diocesana del Clero. I sacerdoti hanno riflettuto sul dovere dell’evangelizzazione e hanno definito l’istituzione di dodici Zone Pastorali o Pievanie

/
/
/
Assemblea diocesana del Clero. I sacerdoti hanno riflettuto sul dovere dell’evangelizzazione e hanno definito l’istituzione di dodici Zone Pastorali o Pievanie
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Da lunedì 16 a mercoledì 18 giugno 2014 si è tenuta a Roccaporena di Cascia l’annuale Assemblea del Clero dell’archidiocesi di Spoleto-Norcia. L’arcivescovo mons. Renato Boccardo e i presbiteri hanno vissuto momenti di fraternità e di condivisione, hanno approfondito e discusso tematiche importanti per la vita della comunità cristiana e hanno lavorato sulla definizione del piano pastorale per l’anno 2014-2015. Le giornate sono state scandite dalla preghiera delle Lodi e dei Vespri, trovando la sintesi nella celebrazione eucaristica.

Illustri relatori si sono alternati: l’arcivescovo Rino Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la nuova evangelizzazione; don Ferruccio Lucio Bonomo, Vicario per il coordinamento della pastorale della diocesi di Treviso; don Giovanni Zampa, parroco dell’Unità Pastorale “Giovanni Paolo II” di Foligno; dott. Luigi Accattoli, giornalista, già vaticanista de La Repubblica e del Corriere della Sera.

I sacerdoti hanno condotto la riflessione conclusiva circa una nuova forma di corresponsabilità, presenza e azione pastorale, definendo l’istituzione di dodici Zone Pastorali o Pievanie, che saranno erette formalmente con apposito decreto vescovile. La Zona Pastorale o Pievania è un insieme di parrocchie moderate da un sacerdote definito pievano. Esse condurranno una pastorale unitaria su ambiti come la famiglia, i giovani, la carità, la catechesi e la liturgia. Questa nuova modalità è volta ad un rinnovato annuncio del Vangelo, ad assicurare una presenza più incisiva nelle comunità parrocchiali, con l’intento di aiutare le persone a “pensare secondo Dio”. «Si inizia qualcosa di nuovo», ha affermato l’Arcivescovo. «Non dobbiamo rimpiangere il passato, ma guardare al futuro con speranza, amare questo tempo e questa Chiesa che ci è data dal Signore: la dobbiamo servire nel suo splendore e nelle sue difficoltà, con i suoi preti e il suo Vescovo. Questo progetto che intraprendiamo è difficile ed esigente, richiede una conversione pastorale e del cuore. La garanzia della sua fecondità è l’unità affettiva ed effettiva tra di noi. Lo Spirito di Dio – ha concluso il Presule – non ci farà mancare la luce e la forza per questa operazione».

Il progetto delle Zone Pastorali o Pievanie rappresenta una tappa particolarmente rilevante del cammino della Chiesa di Spoleto-Norcia. Per questo, con un segno importante e significativo, il Vicario Generale (mons. Luigi Piccioli) e i Vicari Episcopali (mons. Alessandro Lucentini, don Paolo Peciola, don Rinaldo Cesarini, don Marco Rufini e don Luciano Avenati), che insieme formano il Consiglio Episcopale, hanno rimesso il proprio mandato nelle mani dell’Arcivescovo «convinti – hanno scritto – che in tale situazione di profonda trasformazione nella vita della nostra Diocesi, che esigerà da tutti cambiamenti anche radicali, debba essere assicurata al Vescovo, sacramento di Cristo Capo e Pastore che guida il suopopolo, la massima libertà nelle decisioni e nelle scelte». L’Arcivescovo, nel dare comunicazione di ciò, ha ringraziato i membri del Consiglio Episcopale, in modo particolare il Vicario Generale, per la fedeltà e per il generoso servizio garantiti in questi anni. Mons. Boccardo ha accolto le loro dimissioni donec aliter provideatur, cioè fino a che non si provveda altrimenti, e ha chiesto a tutti i sacerdoti un impegno: «Pregate per me, chiamato ad un’ulteriore, grave responsabilità e a realizzare scelte significative per la vita della nostra Chiesa».

ultime pubblicazioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

ultime pubblicazioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Seguici su Facebook