Accedi

Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordati di me

Lettera per la Giornata Mondiale delle Vocazioni
29 aprile 2012
____________________________________________

Ai Sacerdoti
e alle Comunità cristiane dell'Archidiocesi di Spoleto-Norcia

Domenica 29 aprile p.v., IV di Pasqua, tutta la Chiesa celebrerà la Giornata Mondiale di preghiera per le vocazioni. Anche noi sentiamo pressante il dovere di rinnovare la supplica al «padrone della messe perché mandi operai per la sua messe» (cf Lc 10, 2),che è la nostra amata Chiesa locale.
Invito pertanto i Sacerdoti e tutte le comunità parrocchiali e religiose ad unirsi a me nella notte di preghiera per le vocazioni al sacerdozio presso il Santuario della Madonna della Stella, dalle ore 21 di sabato 28 aprile fino alle ore 7 di domenica 29.
Mi tornano alla mente le parole del Santo Curato d'Ars: «Un buon pastore, un pastore secondo il cuore di Dio è il più grande tesoro che il buon Dio possa accordare ad una parrocchia e uno dei doni più preziosi della misericordia divina... Egli è l'economo del buon Dio, l'amministratore dei suoi beni... Lasciate una parrocchia per vent'anni senza prete: vi si adoreranno le bestie... Il prete non è prete per sé, lo è per voi».
Sono convinto che il Signore Gesù continua a rivolgere ai nostri giovani l'invito a seguirlo con cuore indiviso per il servizio della Chiesa e dei fratelli. Purtroppo, il rumore e la distrazione nei quali spesso è immersa la vita quotidiana rendono sempre più difficile decifrare la voce di Dio ed interpretare l'esistenza come risposta ad un progetto. E una Chiesa locale che non "genera" tra i suoi figli risposte generose alla chiamata di Dio è una Chiesa in qualche modo malata o zoppa...
Non possiamo rimanere indifferenti di fronte a questa situazione, che rischia di divenire ancora più grave in futuro; non possiamo accontentarci di aiuti, pur preziosi ed apprezzati, che ci vengono da altri Paesi. Tutti - preti, religiosi e laici - dobbiamo "fare qualcosa" perché non si inaridisca nella nostra diocesi quella sorgente zampillante che, nel segno della generosità e del sacrificio, del coraggio e dell'entusiasmo, l'ha resa nel tempo ricca di santi e di preti. Tutti, vivendo con responsabilità e gioia la nostra vocazione personale, dobbiamo proclamare che “rispondere all’amore si può”. 
Già da quasi tre anni ogni primo sabato del mese un popolo pellegrino eleva alla Madonna della Stella la sua supplica fervente secondo questa intenzione. Nella notte tra il 28 e il 29 aprile - alla quale invito ad unirsi spiritualmente le nostre sorelle Monache dei diversi Monasteri che arricchiscono la nostra diocesi - vogliamo raccogliere tutta quella preghiera e deporla ancora una volta con fiducia tra le mani materne di Maria perché la presenti al suo Figlio Gesù, sollecita del bene di questo popolo che la venera con devozione filiale. Vi aspetto! Spoleto, 15 aprile 2012, domenica in albis.
+ Renato Boccardo
Arcivescovo