Accedi

Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordati di me

Assemblea Sinodale 2016-17

Camminare
insieme

Catechesi 2020-2021

Catechesi 2020-2021

Complesso Monumentale del Duomo di Spoleto

Arte dello Spirito – Spirito dell’Arte

Ripresa della catechesi anno catechistico 2020-2021, dopo il lockdown: indicazioni. Celebrazioni cre...
08 Set 2020 09:38Ripresa della catechesi anno catechistico 2020-2021, dopo il lockdown: indicazioni. Celebrazioni cresime e comunioni dello scorso anno catechistico 2019-2020: indicazioni e date.

L’Arcivescovo e il Consiglio Episcopale stabiliscono che per i “gruppi 2019-2020", i cui incontri di catechesi sono stati interrotti a causa del lockdown, si riprenda un insieme di incontri formativi (senza dimenticare i genitori) a partire da fine settembre-inizio ottobre. L’Arcivescovo, poi, conferisce eccezionalmente ad ogni Parroco la facoltà di amministrare il sacramento della Confermazione nella propria Parrocchia a questo gruppo nel corso di una Liturgia della Parola o della preghiera del Vespro il pomeriggio di sabato 5 dicembre o di sabato 12 dicembre, mentre la Messa di P [ ... ]

Leggi tutto

Brevi dall'Archidiocesi

A seguito della diffusione dell’epidemia da Covid-19, al fine di tutelare la salute di persone e comunità e ovviare alle incertezze che gravano su impegni pastorali programmati da tempo, considerato che l’attuale situazione non sta consentendo una adeguata preparazione dei fanciulli e dei ragazzi, i Vescovi dell’Umbria hanno stabilito che le celebrazioni della Messa di Prima Comunione e della Confermazione - programmate dal tempo pasquale fino all’estate - vengano rinviate ad altro momento opportuno, quando lo consentiranno le condizioni generali. Per le stesse ragioni, sono soppresse o rinviate le manifestazioni esterne di pietà popolare solite compiersi durante la Settimana Santa.

In questo tempo di Coronavirus l’arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Conferenza episcopale umbra mons. Renato Boccardo ha scritto una lettera alla comunità diocesana dei Santi Ponziano e Benedetto, Rita e Chiara della Croce.

Uno schiaffo brutale. «Abbiamo ricevuto all’improvviso – scrive il Presule - come uno schiaffo brutale: siamo stati costretti da un giorno all’altro a cambiare totalmente abitudini e consuetudini; a rimanere chiusi in casa, smarriti e preoccupati per il futuro; privati di una vicinanza, quella vera e reale, fatta di abbracci, di baci, di strette di mano. Ogni giorno possiamo constatare la fragilità e la precarietà dell’essere umano, nonostante gli impressionanti e meravigliosi progressi della scienza, della tecnica e della medicina. Anche il ritmo normale della vita cristiana è stato interrotto, con le celebrazioni eucaristiche domenicali e feriali che nutrono la fede e sostengono la carità; i diversi momenti di condivisone, formazione e fraternità».

Venerdì 27 marzo 2020 alle ore 15.00 l’arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Conferenza Episcopale Umbra mons. Renato Boccardo si è recato, da solo, in unione con tutti i Vescovi d’Italia, che hanno compiuto lo stesso gesto, al cimitero monumentale di Spoleto per pregare per i defunti a causa del Coronavirus, per tutte quelle persone che sono andate incontro alla morte senza la compagnia e la presenza dei familiari, senza il conforto dei sacramenti. «Noi sappiamo bene – ha affermato il Presule - che Dio va al di là dei sacramenti, raggiunge il cuore degli uomini e accoglie la loro verità e la loro dedizione e dona loro la salvezza. Però li vogliamo accompagnare con la nostra preghiera di suffragio». L’Arcivescovo affiderà alla bontà e alla misericordia del Signore tutti i defunti: quelli del Coronavirus, ma anche quelli che sono sepolti nei cimiteri della Diocesi di Spoleto-Norcia.

Foto / Video

Come è avvenuto per la Quaresima, anche per la Settimana santa ci troveremo a vivere le celebrazioni dentro il dramma del Coronavirus con tutto il suo carico di morte, di sofferenza e di limitazioni pesanti per la vita delle persone, delle famiglie e dell'intera società. Come Pastori, continuiamo ad essere accanto a quanti soffrono per la perdita dei loro cari e per gli effetti più o meno gravi della pandemia, a quanti stanno spendendo ogni forza (anche a rischio della propria vita) accanto ai malati, a quanti si prodigano ad aiutare chi si trova in maggiore difficoltà. In questo momento crediamo che la nostra preghiera, fatta nel chiuso delle nostre case e delle nostre chiese per implorare dal Signore liberazione e salvezza, sia un'arma davvero potente nella lotta contro il male che tutti minaccia.

In allegato le indicazioni complete. 

Papa Francesco nell’Angelus di domenica scorsa ha invitato per mercoledì 25 marzo 2020 alle ore 12.00, in questi giorni di prova in cui l’umanità trema per la minaccia del Coronavirus, «tutti i Capi della Chiese e i leader di tutte le Comunità cristiane, insieme a tutti i cristiani delle varie confessioni, a invocare l’Altissimo, Dio onnipotente, recitando contemporaneamente la preghiera del Padre Nostro». L’arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Conferenza episcopale umbra ha presieduto la preghiera del Padre Nostro, seguita dalla recita dell’Angelus, sul Sagrato della Basilica Cattedrale di Spoleto. Col Presule c’erano: il Vicario Generale mons. Luigi Piccioli, il rettore della Cattedrale don Sem Fioretti, il parroco dei Santi Pietro e Paolo don Edoardo Rossi e il sindaco di Spoleto Umberto de Augustinis, in rappresentanza dell’intera Città.

Foto / Video 

Come gesto di sollecitudine e partecipazione al comune impegno volto a sostenere quanti sono affetti da Coronavirus, i Vescovi umbri hanno donato alla Regione Umbria un ventilatore polmonare per terapia intensiva. «Il nostro primo pensiero – afferma mons. Renato Boccardo, arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Conferenza episcopale umbra – va a coloro che, anche nella nostra Regione, stanno affrontando questa impegnativa battaglia: alle persone colpite dal Covid-19, a quanti hanno perso la vita e ai loro familiari, ai medici e agli operatori della sanità e del volontariato, ai responsabili della società civile chiamati a prendere decisioni importanti e non facili per il bene di tutti. A tutti e a ciascuno, insieme con i nostri sacerdoti che continuano in maniere diverse la quotidiana compagnia alle comunità loro affidate, assicuriamo la cordiale vicinanza e la costante preghiera: nelle Messe che, a causa dell’emergenza celebriamo senza il popolo ma per tutto il popolo, portiamo con noi davanti al Signore le speranze e le fatiche di ognuno».

Canale twitter Arcivescovo

ArcivescovoSpo Trafugamento reliquia S. #GiovanniPaoloII dal #Duomo di @Spoleto. Mi rivolgo a chi ha compiuto il gesto: "Restituit… https://t.co/upYtQKij5x
ArcivescovoSpo ▶️Riunione del 31 agosto 2020 col #Commissario alla ricostruzione post #sisma 2016 @GiovanniLegnini circa la ricos… https://t.co/HKgwyHNUmE
ArcivescovoSpo Il ringraziamento ai padri agostiniani di Cascia Francesco Calleja e Bernardino Pinciaroli chiamati dal Provinciale… https://t.co/HM9Mp51IIL
ArcivescovoSpo In questo momento estremamente difficile, possiamo moltiplicare la fantasia della carità, per nutrire la nostra vit… https://t.co/1pSi3H4vyB
ArcivescovoSpo Coronavirus, Messa del 14 marzo 2020 https://t.co/n7n98quKFm di @YouTube
ArcivescovoSpo Gesù ci insegna che la grandezza sta nel mettersi al servizio... che uno diventa grande rinunciando anche a qualcos… https://t.co/T1w5n0ZulJ
ArcivescovoSpo Seconda predica di Quaresima. https://t.co/wNmjBpEK89 di @YouTube
ArcivescovoSpo #coronavirus Questa sera celebro la #Messa alle 18.00 dal Duomo di #Spoleto, in assenza dei fedeli. Potete seguire… https://t.co/URxvS3UtSO

Bibbia e Almanacco

Media diocesani

  1. Photo Gallery
  2. Ultimi video
  3. Il Risveglio News
  4. Web TG

Guarda tutti i video