Accedi

Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordati di me

Mercoledì 27 febbraio l’arcivescovo Renato Boccardo ha partecipato, in Vaticano, all’ultima udienza generale di Bendetto XVI che, dal 28 febbraio, lascia il pontificato. Il Presule, a nome dell’intera Diocesi, ha salutato il Papa, assicurandogli la preghiera del popolo spoletano-nursino.

«Benedetto XVI – afferma il Vescovo - ci aveva in qualche modo preparato a questo giorno con dichiarazioni e gesti significativi (per esempio, la visita alla tomba di Celestino V). Ed ora, in piena lucidità e libertà, la realizza. È tale libertà che permette a molti osservatori di parlare di coraggio. In questo mondo, segnato dalla volontà di molti di dominare sugli altri e di esercitare il potere per il potere, rinunciarvi umilmente riconoscendo la propria debolezza sorprende. Durante tutto il suo pontificato, però, Benedetto XVI ci ha abituati al coraggio, affrontando con fermezza i problemi più delicati: il dialogo interreligioso, la persecuzione dei cristiani nel mondo, la crisi economica e finanziaria, la questione della pedofilia, la ricerca di una soluzione con i tradizionalisti. Il pontificato è stato difficile per questo grande intellettuale che non ama il potere, ma che ha saputo far fronte alle tempeste con un’umile determinazione che suscita ammirazione».

Sabato 2 marzo la Chiesa di Spoleto-Norcia, nel consueto appuntamento mensile di preghiera per le nuove vocazioni al sacerdozio, inviterà i fedeli ad elevare sentimenti di ringraziamento al Signore per i quasi otto anni di pontificato di Benedetto XVI, per implorare la docilità allo Spirito Santo nei padri Cardinali riuniti in Conclave e perché colui che sarà chiamato a guidare la Chiesa Universale nei prossimi anni senta subito l’assistenza di Cristo Buon Pastore. Appuntamento alle ore 7,30 a S. Luca di Montefalco, da dove verrà avviata la processione verso il Santuario della Madonna della Stella. Alle ore 8,00 l’Arcivescovo presiederà, con i presbiteri presenti, la Messa.