Accedi

Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordati di me

Lunedì 11 dicembre 2017 nella Basilica Cattedrale di Spoleto si sono tenute le esequie del Sindaco di Spoleto Prof. Fabrizio Cardarelli, morto improvvisamente la mattina di domenica 10 dicembre nella sua abitazione a Collerisana di Spoleto. Ha presieduto la concelebrazione eucaristica l'Arcivescovo, insieme a diversi sacerdoti del Comune di Spoleto. Migliaia gli spoletini che hanno raggiunto la Cattedrale per salutare il proprio Sindaco e per stringersi intorno ai familiari di Cardarelli, in particolare all'anziana mamma Maria, alla moglie Emanuela e ai figli Giulia e Carlo.

 

Non poteva mancare il "mondo" della scuola per il quale il Sindaco - da insegnante di fisica e matematica - ha dato molto, ma soprattutto ha ricevuto molto di più dai ragazzi a cui ha insegnato. Molte le autorità civili e militari presenti. Tra tutti: il presidente della Giunta Regionale dell'Umbria Catiuscia Marini, il Prefetto di Perugia, il Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri Tullio Del Sette, Assessori e Consiglieri Comunali di Spoleto, Parlamentari e Consiglieri regionali, molti Sindaci umbri. In allegato l'omelia dell'arcivescovo Renato.   

Comunicato stampa dell'Arcivescovo per la morte improvvisa del Sindaco di Spoleto Prof. Fabrizio Cardarelli

L’arcivescovo di Spoleto-Norcia, mons. Renato Boccardo, con tristezza ha appreso dell’improvvisa morte del Sindaco della Città di Spoleto Prof. Fabrizio Cardarelli.  Il Presule eleva al Signore fervide preghiere di suffragio invocando la pace eterna per la sua anima ed esprime cordiale vicinanza alla moglie, ai figli, alla mamma e agli altri familiari. Mons. Boccardo, in questo momento di dolore che avvolge l’intera Città, sottolinea in particolare la proficua collaborazione col Sindaco Cardarelli su argomenti di interesse comune e la particolare attenzione del primo cittadino all’azione della Caritas diocesana. «Proprio l’altro giorno – fa sapere l’Arcivescovo – ci siamo sentiti al telefono per un nuovo progetto da realizzare in sinergia a favore delle famiglie che vivono sotto la soglia di povertà e per fare il punto della situazione sulle chiese di Spoleto chiuse a seguito del terremoto dello scorso anno. Uomo generoso e cordiale, figlio, marito, padre premuroso e docente stimato, Sindaco sapiente, appassionato e impegnato alla ricerca del bene comune, insieme alla Pastorale giovanile della Diocesi fu tra gli insegnanti-promotori delle ripetizioni gratuite agli studenti. Eletto Sindaco ha continuato, con discrezione e immutata professionalità, in questo servizio alle giovani generazioni, per le quali ha speso gran parte della sua vita e nelle quali riponeva grande fiducia per il futuro della Città.