Solennità dell’Assunta 2022: resoconto delle celebrazioni e foto. L’Arcivescovo: «Nelle nostre piazze gira liberamente la droga e in alcuni pretesi eventi artistici e culturali del nostro territorio si inneggia a Satana»

Solennità dell’Assunta 2022: resoconto delle celebrazioni e foto. L’Arcivescovo: «Nelle nostre piazze gira liberamente la droga e in alcuni pretesi eventi artistici e culturali del nostro territorio si inneggia a Satana»

Solennità dell’Assunta 2022: resoconto delle celebrazioni e foto. L’Arcivescovo: «Nelle nostre piazze gira liberamente la droga e in alcuni pretesi eventi artistici e culturali del nostro territorio si inneggia a Satana»

/
/
Solennità dell’Assunta 2022: resoconto delle celebrazioni e foto. L’Arcivescovo: «Nelle nostre piazze gira liberamente la droga e in alcuni pretesi eventi artistici e culturali del nostro territorio si inneggia a Satana»
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Il solenne Pontificale del 15 agosto

«Celebriamo oggi il mistero dell’assunzione al cielo della Beata Vergine Maria, la Madre di Gesù. La Madonna ha sperimentato per prima il destino di gloria cui siamo tutti chiamati: dove è Maria siamo attesi tutti noi. L’evento dell’assunzione di Maria al cielo nella pienezza della sua umanità e corporeità è primizia della nostra risurrezione futura e proclama che nulla di ciò che c’è di vero e di autentico in noi andrà perduto, che anche il nostro corpo riceverà la sua gloria definitiva». Con queste parole l’arcivescovo di Spoleto-Norcia mons. Renato Boccardo ha avviato l’omelia nel Duomo di Spoleto lunedì 15 agosto 2022. Hanno concelebrato i parroci della Città e la liturgia è stata animata dalla corale diocesana diretta da Mauro Presazzi, con all’organo Angelo Silvio Rosati. Il servizio all’altare è stato curato dai seminaristi e dai ministranti, coordinati dal cerimoniere arcivescovile don Pier Luigi Morlino. Era presente il vice sindaco di Spoleto Stefano Lisci.

Foto preghiera di guarigione dalla ferite della vita / Foto preghiera mariana per i giovani / Foto processione / Foto pontificale

 

Preghiera di intercessione per la guarigione delle ferite della vita
Preghiera mariana per i giovani

Le celebrazioni 2022 dell’Assunta si sono aperte la sera di venerdì 12 agosto al Santuario della Madonna delle Lacrime di Trevi con la preghiera di intercessione per la guarigione delle ferite della vita guidata da Salvatore Martinez presidente del Rinnovamento nello Spirito Santo e partecipata da tantissime persone. Sabato 14 agosto è stata la volta della preghiera per i giovani che si è tenuta presso la parrocchia di S. Venanzo a Spoleto. «Siamo qui – ha detto l’Arcivescovo – ad invocare Maria per aiutare i giovani affinché trovino accanto degli adulti che li sappiano sostenere nello scoprire ciò che Dio ha pensato per loro. Tempo di ascolto, di testi da fare penetrare nella nostra testa e nella nostra coscienza. Nella nostra preghiera portiamo tutti i giovani che conosciamo e anche quelli che non conosciamo: a Maria chiediamo di porre su di loro lo stesso sguardo che riservò al giovane Francesco Possenti, futuro S. Gabriele dell’Addolorata. La sera del 14 agosto, poi, c’è stata la processione – dopo due anni di stop a causa del Covid – con la Santissima Icone dalla chiesa di S. Gregorio al Duomo. «Con cuore gioioso e commosso – ha detto mons. Boccardo al termine – abbiamo rinnovato questa sera, dopo i due anni della pandemia, la bella tradizione che vede il popolo di Spoleto raccogliersi attorno alla venerata Immagine della Madre del Signore, che dall’alto di questo Duomo abbraccia con sguardo materno tutta la città».

L’omelia dell’Arcivescovo al Pontificale del 15 agosto: nelle nostre piazze gira liberamente la droga e in alcuni pretesi contesti culturali del nostro territorio si inneggia a Satana.  «La consapevolezza del destino umano ultimo, che è la partecipazione alla gloria e alla vita di Dio e fonda e richiama la dignità e la libertà di ogni persona, stride – ha sottolineato il Presule – con quanto vediamo quasi quotidianamente attorno a noi, sia a livello locale che continentale. I minorenni hanno pubblicamente accesso incontrollato alle bevande alcooliche, nelle nostre piazze circola liberamente la droga, in alcuni pretesi eventi artistici e culturali del nostro territorio si inneggia a Satana e si invitano i bambini a fare altrettanto. La nostra coscienza di adulti – famiglie e comunità civile ed ecclesiale – non può rimanere inerte di fronte a questo degrado: in quale contesto vogliamo far crescere i nostri adolescenti e giovani? quale futuro stiamo preparando per loro? in quale società si troveranno a vivere?».

Fedeli in preghiera dinanzi alla Santissima Icone al termine della processione

Siamo arrivati al punto in cui uomini e donne di fede non possono parlare. «Il 3 maggio scorso – ha detto mons. Boccardo – è stata votata al Parlamento Europeo una risoluzione circa la persecuzione delle minoranze sulla base del credo e della religione, in cui praticamente si afferma che il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e religione e il diritto alla vita non sono più considerati diritti umani fondamentali ma sono subordinati ai cosiddetti “diritti umani primari”. Nel silenzio generale di tutti, siamo arrivati al punto in cui uomini e donne di fede non possono parlare, non possono esprimere una opinione, non possono dare il proprio contributo alla costruzione della società. In virtù di questa risoluzione, ogni loro discorso, e anche ogni omelia, può essere incriminato, perché – continua il testo – “la difesa della ‘tradizione’ o della “moralità pubblica” non può contraddire, in nessun caso, le disposizioni internazionali in materia di diritti umani alle quali gli Stati devono aderire”. Dopo il tentativo di Natale – ricordiamo il documento interno, poi ritirato, della Commissione Europea con il quale i dipendenti erano invitati ad evitare ogni riferimento a Gesù e al Cristianesimo per non offendere nessuno – e con questa risoluzione di maggio, si vuole relegare la fede e la religione esclusivamente alla sfera privata che nulla deve avere a che fare con la vita civile, politica e culturale della società europea. Tutto questo ci preoccupa. E sollecita – ha concluso l’Arcivescovo – la nostra responsabilità di cristiani, chiamati ad immettere continuamente nel tessuto sociale – grazie alla nostra testimonianza di vita – i germi del Vangelo per un nuovo umanesimo».

Benedizione alla Città e alla Diocesi dalla Loggia del Duomo

Benedizione della Città e della Diocesi dalla Loggia della Cattedrale: al termine della Messa l’Arcivescovo, i presbiteri e le autorità civili si sono recati sulla Loggia centrale del Duomo. I fedeli nel frattempo si sono adunati in Piazza. Il Presule, dopo la preghiera dell’Angelus, ha benedetto la Città e la Diocesi.

Preghiera dell’Arcivescovo al termine della processione / Omelia dell’Arcivescovo al solenne Pontificale

ultime pubblicazioni

ultime pubblicazioni

Seguici su Facebook

iscriviti alla newsletter dell’archidiocesi spoleto norcia

Rimani aggiornato sulle novità ed eventi importanti della nostra Diocesi.

stemma-archidiocesi-spoleto-norcia-bianco

archidiocesi spoleto norcia

© Archidiocesi di Spoleto-Norcia | Via Aurelio Saffi, 13 – 06049 Spoleto (PG)
Telefono: 0743.23101 | Fax: 0743.231036 | E-mail: segreteria@spoletonorcia.it

iscriviti alla newsletter dell’archidiocesi spoleto norcia

Rimani aggiornato sulle novità ed eventi importanti della nostra Diocesi.

stemma-archidiocesi-spoleto-norcia-bianco

archidiocesi
spoleto norcia

© Archidiocesi di Spoleto-Norcia | Via Aurelio Saffi, 13 – 06049 Spoleto (PG)
Telefono: 0743.23101 | Fax: 0743.231036 | E-mail: segreteria@spoletonorcia.it