Accedi

Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordati di me

Domenica 26 novembre 2017, Solennità di Cristo Re dell’Universo, nella chiesa parrocchiale di S. Venanzo di Spoleto l’Arcivescovo ha conferito il ministero dell’accolitato al seminarista Pierluigi Morlino. Col Presule hanno concelebrato il parroco di S. Venanzo don Paolo Peciola, don Luigi Runci e don Alessio Kononov. Tanti i fedeli presenti tra cui: i familiari di Pierluigi, i ragazzi della Pastorale giovanile diocesana, alcuni membri del Cammino Neocatecumenale, diversi bambini della catechesi, i seminaristi della Diocesi. La celebrazione eucaristica è stata animata dalla corale parrocchiale.

Foto-gallery

L’accolito è istituito per il servizio all’altare e per aiutare il sacerdote e il diacono. A lui spetta in modo particolare preparare l’altare e i vasi sacri, e, se necessario, distribuire l’Eucarestia ai fedeli di cui è ministro straordinario. Durante le celebrazioni, è compito dell’accolito accostarsi, all’occorrenza, al sacerdote o al diacono per presentare loro il libro o per aiutarli in tutto ciò che è necessario. In assenza del diacono, terminata la preghiera universale, mentre il sacerdote rimane alla sede, l’accolito dispone sull’altare il corporale, il purificatoio, il calice, la palla e il Messale. Quindi, se necessario, aiuta il sacerdote nel ricevere i doni del popolo e, secondo l’opportunità, porta all’altare il pane e il vino e li consegna al sacerdote. L’accolito istituito, se necessario, può, come ministro straordinario, aiutare il sacerdote nella distribuzione della Comunione al popolo.